We can be Heroes

Tre studi interessanti sulla realtà attuale

Di recente ho letto i risultati di alcuni studi e ricerche effettuati nel corso dello scorso anno. Molti di questi sono legati alla pandemia, allo stress e alla difficile gestione delle complesse emozioni che provocano eventi di questo tipo.
Voglio condividere con te tre che mi hanno colpito, interessato e incuriosito particolarmente:

Sentirsi incerti ci fa assaporare le piccole cose della vita

Naturalmente, l’incertezza è stressante e gli studi indicano che potrebbe peggiorare la nostra salute e farci diventare più solitari. Ma una recente ricerca sulla rivista Emotion ha trovato un vantaggio a sorpresa nell’incertezza: potrebbe farci apprezzare di più le cose semplici della vita.

In un esperimento, i ricercatori hanno distribuito volantini con i messaggi “La vita è imprevedibile: fermati e annusa le rose” o “La vita è costante: fermati e annusa le rose” ai pedoni di passaggio. Una dozzina di rose rosse sono state poste su un tavolo poco distante, e chi aveva letto che la vita è imprevedibile ha davvero annusato le rose 2,5 volte più frequentemente degli altri.

I ricercatori hanno scoperto che questo impatto si trasferisce nella vita quotidiana. Hanno chiamato 6.000 partecipanti fino a una dozzina di volte al giorno per valutare quanto caotico e imprevedibile considerassero l’ambiente e se stessero apprezzando il momento. Si scopre che era più probabile che le persone si godessero la vita alla chiamata successiva, poche ore dopo, quando l’ambiente sembrava essere imprevedibile.

Come mai? Quando ci sentiamo sopraffatti dall’incertezza, le nostre menti possono innescare un meccanismo di coping che implica assaporare e apprezzare le piccole cose della vita. Assaporare ci allontana dalle ansie e dall’ansia per un futuro incerto e verso i sentimenti cristallini e deliziosi del presente.

Questo risultato si può ottenere in maniera molto più semplice praticando in maniera costante, nella propria vita, la gratitudine.

Sognare ad occhi aperti fa bene

In una ricerca pubblicata dalla National Academy of Sciences, Julia Kam e i suoi colleghi dell’Università di Calgary hanno fatto eseguire ai partecipanti attività noiose e ripetitive mentre veniva monitorata la loro attività cerebrale.

Le menti delle persone tendevano a vagare molto, con schemi di onde cerebrali distinti per modalità “liberamente in movimento” (con idee che saltano in giro senza una sequenza particolare) e “limitate” (focalizzate su un elemento specifico ma non sul lavoro a portata di mano). In altre parole, sognare ad occhi aperti che era più libero e meno distratto ha causato un notevole cambiamento nel cervello.

È interessante notare che il sogno ad occhi aperti ha potenziato le onde alfa nella corteccia frontale del cervello, un modello collegato al pensiero divergente o “fuori dagli schemi”. Forse è per questo che già altri studi, in passato, hanno trovato una connessione tra il vagare della mente e la creatività.

L’umiltà intellettuale potrebbe aiutare a fermare la disinformazione COVID-19

A causa delle persone che non indossano mascherine o non si sono sottoposte alle vaccinazioni, i tassi di infezione e mortalità da COVID-19 negli Stati Uniti sono stati molto più alti di quanto avrebbero potuto essere. Ma quali sono le persone che hanno maggiori probabilità di fidarsi di informazioni false o fuorvianti relative al COVID-19?

Età, istruzione e affiliazione politica sono tra i criteri demografici che vengono presi in considerazione. Tuttavia, i ricercatori stanno cominciando a prestare maggiore attenzione a un aspetto aggiuntivo: l’umiltà intellettuale.

Sapere che potresti sbagliare a causa di pregiudizi causati dalle tue esperienze, istruzione o emozioni è noto come umiltà intellettuale. Così, i ricercatori. in un recente studio hanno fornito notizie false su COVID-19 a 1.300 partecipanti a una serie di test presumibilmente basati su notizie (ad esempio, “I casi di coronavirus continuano a crescere; la distanza sociale non funziona”, “Bere acqua ogni 15 minuti protegge dal’infezione da coronavirus”).

In questo modo i ricercatori hanno scoperto che coloro che dimostravano livelli più elevati di umiltà intellettuale avevano maggiori probabilità di indicare che avrebbero tentato di verificare la veridicità del titolo, ad esempio, confermando l’accuratezza delle affermazioni, imparando di più sulla fonte o anche solo leggendo l’intero articolo. Erano anche più propensi ad aprire effettivamente una nuova scheda nel loro browser Internet per “ulteriori informazioni su questo articolo”.

L’umiltà è una grande risorsa, andrebbe coltivata maggiormente, insieme al dubbio e alla capacità di ragionare per conseguenze.

Condividi su:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email