Tag

Business Archives - Claudio Belotti

Gestire conflitti e disaccordi per far performare al meglio il team

By | Blog

In azienda, come anche in famiglia, è facile trovarsi in disaccordo. Può capitare tanto per cose più o meno banali quanto su decisioni importanti e strategiche. Nell’ottica di un imprenditore o di un manager a capo di un gruppo di lavoro, molto spesso questa discordanza di vedute risulta utile e persino salutare perché permette ai team di lavoro di integrare idee e posizioni differenti.

L’importante è che questi disaccordi non trascendano in conflitti e vengano sempre gestiti al meglio dal leader: infatti, quando il leader riesce a incanalare le energie in maniera produttiva, il rendimento e i risultati ne risentono positivamente.

Se anche tu vuoi essere un leader capace di gestire i disaccordi e inspirare il team per produrre un maggior numero di risultati positivi, è importante che tu tenga bene a mente alcune semplici regole:

Fai attenzione al tuo stato emotivo. Quando si scaldano gli animi e le persone diventano come pentole a pressione. Si scaldano, aumenta la tensione e a volte sbuffano notevolmente. Bisogna intervenire: se una persona non è in grado di gestire il proprio stato, deve essere il leader ad aiutarlo a non scoppiare, abbassando il livello di scontro, cambiando le parole o intervenendo sulla situazione in modo da raffreddare gli animi.

Ricorda l’obiettivo. Certo i conflitti possono generare idee interessanti e per fare in modo che queste idee non siano solo belle idee, è importante che tenere sempre ben chiaro qual è l’obiettivo del gruppo di lavoro. Si possono utilizzare post-it o una lavagna sulla quale scrivere chiaramente cosa si vuole ottenere. Spostare l’attenzione all’esterno del gruppo, aiuta a bilanciare bene la spinta creativa con le necessità stringenti degli obiettivi aziendali.

Cambia prospettiva. Quando si genera un conflitto su di un argomento sostanziale – ritenuto da tutte le parti troppo importante – si può generare una impasse. Il leader ha il compito in questo caso di uscire dagli schemi, guardare il problema da un punto di vista differente. Non si tratta di proporre soluzioni o calare decisioni dall’alto; si tratta di porre le domande giuste. Molto spesso le domande giuste iniziano con “E se…” e spingono il team ad affrontare la salita in vetta utilizzando una via diversa, a guardare la montagna da scalare da un lato nuovo.

Vuoi ottenere più risultati in meno tempo e in modo più semplice? Gli strumenti per raggiungere questo risultato te li fornisce la PNL. Io li ho selezionati e messi insieme in un’ottica totalmente business e con un taglio pratico. Nell’Extraordinary NLP Business Practitioner – il corso che trasforma il tuo modo di lavorare –  apprendi tutte le tecniche più efficaci, in modo semplice e diretto.

Fai presto! Il programma è denso di contenuti utili e pronti all’uso e i posti sono riservati a un numero ristretto di partecipanti.

3 caratteristiche (più una) che tutte le aziende hanno la necessità di trovare in un dipendente

By | Blog

Oggi il mondo delle aziende e il mercato del lavoro sono in piena trasformazione. Una rivoluzione fatta di mercati globali e intelligenza artificiale, smart working e delocalizzazioni. Ci sono sfide e opportunità da cogliere: quello che sappiamo è che cercare di raggiungere nuovi traguardi facendo le stesse cose è da pazzi.

La natura umana e la mente ci portano a ripetere ciò che abbiamo sempre fatto, anche solo per inerzia, o per semplice abitudine. Nuovi problemi, richiedono nuove soluzioni, nuove sfide richiedono nuovi strumenti, più efficaci.

Per vincere queste sfide è necessario agire in modo differente dai propri competitor, bisogna imparare a cogliere anche segnali differenti – segnali deboli – quei segnali che gli altri non notano e che possono darti un vantaggio competitivo straordinario: questo vale tanto sul mercato quanto nei confronti dei tuoi dipendenti e collaboratori.

Per farlo in modo efficace ho creato un corso specifico, con strumenti utilissimi e un taglio molto pratico: l’Extraordinary NLP Business Practitioner, scopri quali vantaggi competitivi puoi ottenere.

Oggi ti offro qualche consiglio mettendomi gli occhiali delle Dinamiche a Spirale – argomento che affronteremo al corso, quando ti iscriverai – per iniziare ad agire fin da subito: se sei un imprenditore e stai cercando dipendenti più affidabili e produttivi, se sei un manager e vuoi un gruppo di lavoro più performante oppure sei un dipendente e desideri mettere in evidenza aspetti che ti differenzino dagli altri, ecco tre caratteristiche (più una) che tutte le aziende hanno la necessità di trovare in un dipendente:

  1. Meno egocentrismo, più consapevolezza. Le persone consapevoli – di sé, degli altri, del sistema in cui vivono – comprendono meglio le persone che le circondano. Chi sviluppa consapevolezza comprende e accetta le debolezze degli altri e può aiutarli a migliorare; ha una leadership gentile ed efficace; fa tutto il possibile per aiutare gli altri a raggiungere i loro obiettivi. Ogni organizzazione ha bisogno di persone consapevoli di sé in ruoli chiave: nei team, tra i manager o nei dirigenti.
  2. Meno rigidità, più flessibilità. Le cose cambiano costantemente nelle aziende che crescono rapidamente. Le persone rigide sono a disagio con troppi cambiamenti e consapevolmente o inconsapevolmente cercano di rallentare le cose: sono quelli che dicono “fermate il mondo, voglio scendere!”. Le best practice sono importanti. I processi, le linee guida, le procedure, la tracciabilità: per alcuni dipendenti lo sono fin troppo. Più del lavoro stesso. E questo va bene, se sono i responsabili della qualità o i responsabili di processo. Gli altri dipendenti devono essere più inclini al cambiamento. I dipendenti migliori rispondono alle nuove circostanze e alle sfide con entusiasmo, senza esitazioni. I dipendenti disposti ad adattarsi tendono ad avanzare più rapidamente perché è ciò di cui hanno bisogno tutte le aziende, specialmente quelle ad alta crescita.
  3. Meno tattica, più strategia. La vera leadership non è di breve durata. I veri leader sono in grado di ispirare, motivare e fare in modo che le persone si sentano meglio con loro stesse. I veri leader sono persone che segui non perché devi, ma perché vuoi. Tu sei in grado di farti seguire? Sviluppa questa abilità e le persone ti seguiranno ovunque: seguiranno una persona che ha un talento e lo esprime a pieno, una persona risolta, matura. Creare questo livello di rispetto e fiducia richiede tempo. I grandi dipendenti non lavorano solo a breve termine, in modo tattico, ma progettano a lungo termine e agiscono di conseguenza, attraverso una strategia ben delineata.

E infine un consiglio sempre valido, in ogni circostanza: metti più concentrazione nell’azione. Le buone intenzioni sono importanti, ma le strade dell’inferno sono lastricate di buone intenzioni. Non basta metterci buone intenzioni nel lavoro, servono idee, strategie e una attenzione particolare verso i dettagli. Il successo inizia con la strategia ma termina con l’esecuzione. I dipendenti più bravi fanno tutto con le migliori intenzioni, ma i migliori danno il massimo al momento di passare all’azione.

Un nuovo modello di formazione

By | Blog

Il professor Clayton Christensen della Harvard Business School sostiene che nel giro dei prossimi dieci anni il modello delle grandi università americane sarà messo in crisi da un nuovo modello di formazione. Oggi infatti il costo di una laurea alla HBS è di circa 400mila $. E va bene, se poi vai a gestire un hedge fund da miliardi di dollari: una laura alla Harvard Business School è un biglietto da visita molto allettante.

E se invece vuoi fare l’imprenditore? O seguire la tua passione nel lavoro? Ciò che ti serve non è un prestigioso pezzo di carta ma gli strumenti giusti, i più efficaci per ottenere i risultati che desideri. Voglio essere chiaro: sono favorevole all’istruzione universitaria e asseconderò la scelta delle mie figlie, di andare negli Stati Uniti, proprio in uno di quei prestigiosi college per studiare e conseguire un titolo e una formazione di alto livello. Ma ciò che dico a te, è ciò che insegno a loro ogni giorno: non sarà quel diploma di laurea a renderti una persona di successo nella vita.

Oggi infatti la maggior parte degli studenti all’università – sostiene Christensen – si concentra sul risultato: ottenere una laurea. Ciò che è importante invece è la finalità: l’istruzione. Conseguire una laurea dimostra esclusivamente che sai come ottenere una laurea, non significa necessariamente che sai come fare un lavoro o hai le intuizioni giuste per dar vita a una impresa di successo.

Per fare questo, ti servono soprattutto gli strumenti che funzionano sul mercato, nella vita reale, quella di tutti i giorni, quella fatta di dipendenti da selezionare, assumere e motivare, quella fatta di problemi di produttività, occasioni di networking da sfruttare al meglio e clienti con i quali costruire un rapporto di fiducia.

Ed è proprio per questo che ho scelto di creare un corso dedicato ai professionisti e agli imprenditori, ai manager e ai dipendenti che desiderano crescere, migliorare e fare la differenza nella propria azienda: l’Extraordinary NLP Business Practitioner.

Se mi conosci e mi segui da un po’ saprai che ho conseguito il titolo di Master Trainer in NLP for Business per primo al mondo, proprio grazie al mio impegno nel mondo del business che mi ha portato all’interno di grandi aziende, al top del loro settore, delle vere eccellenze internazionali, per aiutarle a migliorare ciò che era già eccellente: il gruppo Armani, Bulgari, Dainese, Google, Procter & Gamble, Salesforce e Zurich.

L’applicazione dei principi e degli strumenti della PNL al mondo aziendale è ciò che mi ha impegnato con maggior passione negli ultimi venticinque anni di lavoro come Coach e oggi sono grato di avere la possibilità di condividere con te questi strumenti pratici, queste tecniche efficaci, questi principi innovativi e il mindset di successo che propone la Programmazione Neuro-Linguistica.

Se anche tu credi che la finalità dello studio sia innanzitutto l’apprendimento delle competenze necessarie, l’Extraordinary NLP Business Practitioner è esattamente ciò che ti serve per fare la differenza nel tuo campo. Ricorda: oggi l’Italia è in fondo alla classifiche mondiali per la formazione continua. Quindi continuare a formarti, a crescere e migliorare è la tua arma vincente per conquistare la leadership sul mercato e aumentare il tuo giro d’affari.

Per essere il migliore, devi diventare innanzitutto migliore di te stesso.

Le caratteristiche fondamentali di un Coach Straordinario

By | In evidenza

Tra pochi giorni tornerò in aula per l’evento dell’anno: Il Coaching secondo Claudio Belotti. Durante i quattro giorni che trascorreremo insieme vedremo quali sono gli elementi che rendono straordinario un Coach. Ti spiegherò in dettaglio le caratteristiche del mio metodo originale One Hand Coaching, analizzeremo insieme sessioni di lavoro dei grandi del Coaching e della NLP come Richard Bandler e Anthony Robbins e studieremo interventi sul campo, dal business allo sport per vedere in pratica la differenza che fa la differenza.

Quando parlo di Coach Straordinari, sai a quali caratteristiche mi riferisco?

Vediamo insieme quali sono:

–> la prima e la più importante di tutte è la capacità di guidare: quando si affronta un percorso di Coaching è necessario aiutare il cliente a percorrere questo viaggio e allo stesso tempo a rendersi indipendente. Per fare questo sono fondamentali la capacità di far accadere le cose, di massimizzare le risorse e di ispirare.

–> I Coach Straordinari accettano la realtà e sono onesti con sé stessi sulla situazione iniziale. A differenza della maggior parte delle persone non rivolgono la propria attenzione ai problemi ma si concentrano sulle soluzioni. Hanno le competenze adeguate per valutare come intervenire e trovano il percorso migliore per aiutare il cliente ad andare dallo stato attuale allo stato desiderato. Restano sempre a fianco del cliente, lasciandolo libero di andare per la sua strada e al contempo lo aiutano a riconoscerei risultati raggiunti: questa è la capacità di far accadere le cose.

–> Un Coach Straordinario ha una visione sistemica, strategica. Sono consapevoli che per trasformare una visione in realtà sono richiesti crescita e miglioramento e un impegno costante. Per questo un Coach Straordinario sa come aiutare il cliente a ottenere il meglio da se stesso, per raggiungere gli obiettivi che si è prefissato.  Questa è l’abilità di massimizzare le risorse a disposizione.

–> Infine, i Coach Straordinari aiutano l’individuo a raggiungere un nuovo livello di comprensione delle proprie possibilità, creando cambiamenti duraturi. Vedono le cose prima e meglio degli altri e hanno la capacità di raccontare questa visione per ispirare gli altri, in modo che si rimbocchino le maniche e facciano il necessario per raggiungere il loro obiettivo. Un Coach Straordinario delinea il futuro e si impegna affinché si realizzi e diventi un esempio per gli altri: questo significa ispirare.