was successfully added to your cart.

Motivazione pratica.

By 31 Maggio 2018Senza categoria

Credo fortemente che il ruolo del coach sia oggi più che mai fondamentale in questa società che ci richiede un impegno costante su tanti fronti e sempre ad alti livelli. Il coaching, secondo uno studio dell’università di Harvard realizzato qualche anno fa, era il lavoro del futuro. Bene, oggi è arrivato quel momento e il coach è diventato una professione del presente.

Sul lavoro ci viene chiesto di dare il massimo, sia che come imprenditori che come dipendenti, a casa desideriamo il meglio per i nostri cari e ci impegniamo per dare ai nostri figli una educazione quanto più completa e di qualità e dar loro l’opportunità di fare esperienze ricche di significato per rafforzare la loro fiducia in se stessi. Essere coach non è più solo una questione da business coach, life coach o sport coachSi fa coaching su tutti i fronti e per farlo al meglio sono necessarie skill straordinarie e, prima fra tutte, la capacità di aver sempre forte e chiara la propria motiv-azione, ciò che ci spinge a fare ciò che facciamo.

Sai che in Extraordinary abbiamo una autentica passione per il coaching e realizziamo corsi di coaching completi (dei veri percorsi) per apprendere tutte le competenze necessarie a diventare la persona che desideri. Ti propongo tre utili spunti pratici (più uno) per iniziare a lavorare su te stesso e porre le basi per diventare un coach motivato in ogni situazione:

  1. Pratica l’umiltà. Sorprendentemente, l’umiltà può fare molto per mantenerti motivato. Il senso è: non montarti la testa, soprattutto se non hai le istruzioni di montaggio! Questo ti aiuterà a rimanere in contatto con chi sei; per aiutare gli altri infatti devi avere chiaro innanzitutto chi sei, cosa fai e perché lo fai.
  2. Pratica la gratitudine. Essere grati significa comprendere con la mente e sentire con il cuore il dono che abbiamo nel nostro presente. Essere grati significa avere la percezione che abbiamo una vita più agiata e semplice della maggior parte della popolazione mondiale e che, per quanto ci siano cose importanti che vogliamo fare e traguardi da raggiungere, abbiamo già tutto ciò che ci serve per essere felici.
  3. Pratica attività fisica. Il movimento è ciò che ci mantiene vivi e attivi. Star fermi ci blocca, fisicamente e mentalmente. Muoversi – magari correre – riattiva il metabolismo e anziché sottrarre energie ridona vigore al corpo e allo spirito. Te lo assicuro: sono fermo da tante ore di fronte al computer e mi sento stanco; è ora di andare a correre!

Per essere in grado di aiutare gli altri è necessario innanzitutto star bene con se stessi ed essere un esempio pratico delle teorie che si studiano. Quindi ti offro un ultimo consiglio: premiati. Sì, di tanto quando raggiungi un risultato, un obiettivo che avevi stabilito, concediti un premio. Gli studi dimostrano che i premi sono responsabili per tre quarti dei motivi per cui facciamo le cose. Quando è stata l’ultima volta che ti sei ricompensato per un lavoro ben fatto? Non tralasciare mai di darti una pacca sulla spalla – anche virtuale – e magari comprare una bella bottiglia di vino, esclusivamente reale!