was successfully added to your cart.

I boomerang

By 17 Settembre 2013Riflessioni

I boomerang mi hanno sempre affascinato, forse perché le poche volte che ho cercato di lanciarli non ci sono riuscito, o forse perché l’dea che tornino mi sembra una bella metafora.

Spesso si dice che nella vita tutto torna, proprio come un boomerang. Non sempre è così, ma più passa il tempo più vedo che le cose tornano.

A vent’anni lo sentivo dire da mio Padre, che mi insegnò a fare le cose bene. Lui me lo diceva per insegnarmi ad essere un gentiluomo con le donne. Mi diceva sempre che se le avessi trattate bene, lasciando un buon ricordo, avrei potuto richiamarle.

Non appena ebbi l’età per pensare anche ad altro, mi disse che il segreto è di fare lo stesso con i clienti, gli amici, i vicini di casa… di fatto sempre e con tutti.

Ho continuato a credergli, era un grande uomo e mi sembrava intelligente seguire le sue indicazioni.

Facendolo, mi sono anche reso conto che non solo quando richiamavo le vecchie fiamme erano gentili con me, ma io mi sentivo meglio nel “comportarmi bene”.

Ora che i quaranta li ho compiuti più volte, vedo i boomerang tornare…

Stanno tornando nella mia vita privata e nel lavoro. Alcuni, mi ero persino dimenticato di averli lanciati. È come se quelli che lanci senza preoccuparti se torneranno o no, volessero tornare più grandi e più belli…

Tempo fa ho fatto la cosa giusta in una situazione in azienda. Il mio riferimento di allora adesso è a New York come Direttore delle Risorse Umane USA di un’altra azienda, un marchio del lusso importante e famoso, italiano ma di proprietà francese.

Quando il marchio era italiano ho lavorato per loro, ma poi i francesi, giustamente, all’acquisto fermarono tutto.

Molti anni dopo, come direbbe Steve Jobs, i puntini si sono uniti. Se non ci saranno guerre, il prossimo mese andrò in California (la patria della PNL) a tenere un corso ad americani. Non so se mi spiego, un bergamasco in California per conto di un brand del lusso di proprietà francese!

Io stesso faccio fatica a crederci. Come è successo?

Penso sia il frutto di anni di lavoro e studio. Un po’ di fortuna, ma soprattutto tante cose fatte bene. Alcune si sono perse, non tutti i boomerang tornano. Il problema più grande è che ci mettono un po’ a fare il giro e molte persone credono che vadano tutti persi e che non valga la pena lanciarli.

Credimi, non si perdono. Tornano. A volte dopo un bel po’, ma tornano. Questa è la bella notizia. L’altra bella notizia è che tornano tutti, sia quelli belli sia quelli brutti.

All’Universo non importa se fai cose giuste o sbagliate. Per Lui sono azioni che come i boomerang torneranno.

Sant’Agostino diceva che non veniamo puniti per i nostri peccati, ma dai nostri peccati, cioè dalle conseguenze. Se così fosse, allora vale anche l’opposto.

Quindi, cerca di agire per essere premiato, non per le tue azioni ma dalle tue azioni.

E sai cosa c’è di veramente bello? Non serve essere perfetti. Gli errori sono ammessi. È l’intenzione e la voglia di fare bene che conta.

Buona settimana.

Claudio