Affrontare da leader una conversazione difficile sul lavoro

By 21 Aprile 2020Blog

Molti leader in azienda si sentono a disagio quando devono affrontare una conversazione difficile con un collaboratore. Questo può essere causa di difficoltà nella gestione dell’azienda, fonte di ritardi e di incomprensioni. A volte è proprio il pensiero stesso della difficoltà della conversazione che la rende ancor più difficile da portare a compimento. Affinché tutto funzioni, alla base certamente ci deve essere un allineamento fra il leader, i suoi valori, i suoi obiettivi, il suo scopo e quelli dell’azienda. E questo vale anche per il collaboratore.

Un leader di successo deve necessariamente affrontare questi momenti spiacevoli per crescere e se non fa in prima persona rischia di intaccare la fiducia del personale, le prestazioni dei team di lavoro e il morale della squadra. E questo ha un effetto sulla prestazione complessiva dell’azienda. Molto spesso non crea un danno ma sicuramente spinge il gruppo a sottoperformare. Procrastinare la gestione dei problemi difficili è spesso segno del ristagno del leader o dell’azienda in uno stadio di sviluppo inadeguato.

Anche nelle aziende più strutturate le condizioni di lavoro in cui operano i leader sono spesso causa di questo problema. Come ti spiego nel mio ultimo libro “Gli Stadi del Successo” (Roi Edizioni), le aziende rendono al meglio quando si trovano nello stadio detto “Prime”. In questa fase ogni aspetto del lavoro vive uno stato di grazia. C’è un ambiente di lavoro collaborativo e l’apertura verso il miglioramento e la crescita permette a tutti di affrontare con lo spirito giusto anche le comunicazioni più scomode.

Da leader ci sono almeno tre cose che puoi fare per affrontare le discussioni più difficili:

Decidi dove e quando: quando sai che devi affrontare una conversazione complessa, decidi di farlo. Non è detto tu debba farlo immediatamente. Aspettare qualche ora o qualche giorno, può essere la scelta giusta. L’importante è che decidi dove e quando e lo fissi in agenda o lo comunichi alla persona.

Scegli come: il dove che hai scelto può essere attraverso un telefono o via messaggio. E se hai scelto di persona, meglio se in privato. Scegli il mezzo o il luogo più adatto rispetto alla persona con la quale devi parlare. Se sai qualcosa di questa persona e costruisci un canale per parlare in modo aperto, scegli un luogo significativo per entrambi: una caffetteria, il giardino di fronte all’azienda, la sala conferenze.

Stabilisci gli argomenti: fai un sommario degli argomenti che devi affrontare. Se l’argomento è serio non cercare di sminuirlo o di scherzare. In PNL sappiamo che una buona comunicazione passa sempre dalla calibrazione dell’interlocutore. È importante infatti tenere conto momento dopo momento delle reazioni della persona che abbiamo di fronte per comprendere se ciò che stiamo dicendo sta ottenendo l’effetto desiderato o se dobbiamo cambiare qualcosa.

Infine, ricorda sempre di essere gentile e calmo. Porta nella discussione solo gli elementi necessari: tra questi la rabbia e il nervosismo non trovano posto.