A mente lucida

By 3 Novembre 2019Blog

Come puoi individuare una soluzione senza concentrarti? Molto spesso nella formazione si consiglia di concentrarsi sulle soluzioni anziché sui problemi. Questo perché mentre i problemi tante persone sono bravissime a focalizzare l’attenzione, per le soluzioni manca molto spesso la capacità di concentrarsi. E qui la parola chiave è proprio concentrarsi.

In azienda spesso ci sono situazioni complesse e problemi difficili da affrontare. La prima domanda da porsi è: sono i problemi giusti per l’azienda? O avrebbe bisogno di problemi migliori? Affronto questo tema nel mio ultimo libro “Gli Stadi del Successo” Roi Edizioni. Ci sono problemi normali e fisiologici e altri che sono anormali e patologici. Sapere in quale stadio di sviluppo si trova l’azienda per la quale lavori, può aiutarti a comprendere di quali soluzioni ha bisogno.

Tutti affrontiamo sfide a livello personale o professionale. Un modo per risolvere i problemi è riuscire a concentrarsi sulla situazione, sulle soluzioni e tenere in conto i vari livelli di coinvolgimento degli attori e delle forze in campo. A volte la parte più difficile è proprio affrontare con un pensiero sistemico che trovi soluzioni adeguate.

Per avere questo risultato è necessario innanzitutto sgombrare la mente da tutti quei meccanismi a incastro che ti portano stress, uno stress spesso anche inconsapevole. E’ importante placare una mente che parla in continuazione e liberare energie per decidere meglio, lavorare meglio, vivere meglio. E il metodo più efficace per farlo è attraverso la meditazione.

In molti sono restii a iniziare e poi quando iniziano non sanno come hanno fatto senza fino a quel momento. La meditazione migliora la visione della vita e l’andamento della giornata, soprattutto se è la prima azione del mattino. Fornisce energia alla mente o meglio, aiuta la mente a spendere meglio le energie che già possiede. Inoltre il tuo stato mentale definisce la tua esperienza, le tue relazioni, il modo in cui ti rapporti con il mondo: per questo in Programmazione Neuro-Linguistica, la gestione dello stato ha una importanza cruciale.

Per iniziare oggi la meditazione esistono molti modi. Il più semplice può avvenire attraverso le applicazioni da smartphone. Questa appendice che ci accompagna giorno e notte – e spesso è fonte di stress attraverso le sue frequenti notifiche – può diventare un prezioso alleato. Trattandosi di uno strumento, se impariamo ad utilizzarlo per il bene, possiamo trarne il meglio per noi stessi.

Le due più famose ed utilizzate in questo momento sono Headspace e Calm con milioni di download e utenti attivi al mondo ogni giorno. Ce ne sono comunque molte tra le quali poter scegliere per poter iniziare un percorso. Una volta appreso il meccanismo, poi si può spaziare con la fantasia e creare la propria routine di meditazione quotidiana.