3 modi semplici per innescare la tua trasformazione

By 6 Ottobre 2019Blog

Cambiare tanto per cambiare non serve a nulla. Può darti l’impressione che stai facendo qualcosa. Ma nella realtà rimani fermo. Cresci, migliora, dai una direzione al cambiamento – la tua direzione – e ricevi in cambio movimento e soddisfazione. Arriva dove non pensavi. Stupisciti. Sii felice.

A “Il Coaching secondo Claudio Belotti” ti parlerò del perché la crescita e il miglioramento sono più importanti del cambiamento per una vita soddisfacente. Apprendi insieme a me le abilità fondamentali di Coaching e scopri come ti possono essere utili nella sfera personale e nella vita lavorativa per essere la persona che desideri.

Come ottieni questo risultato? Il rientro dalle vacanze estive può essere un buon momento per iniziare. Ti sei allontanato per un periodo dalla routine, dai luoghi che frequenti più spesso e hai ricaricato le energie fisiche e mentali. Ora sei tornato ed è il momento giusto per gettare un nuovo sguardo.

In attesa del 31 ottobre quando ci vedremo a Milano, puoi innescare la trasformazione che ti porta a migliorare in aree cruciali della tua vita. Parti da questi 3 spunti:

Gestisci il tempo: se mi conosci e mi segui da un po’ saprai che non amo questa definizione. La utilizzo in modo che ci capiamo. In realtà la gestione del tempo non esiste, è innanzitutto una gestione di te. Dei tuoi impegni e del tuo approccio agli impegni; in particolare alle cose che impegnano il tuo tempo e a quello che ti portano: ti dà soddisfazione o fastidio?  Prendi una decisione e un impegno: investi del tempo per fare qualcosa che ti piace ogni giorno, qualcosa che fai raramente almeno una volta a settimana e qualcosa che non hai mai fatto, una volta al mese.

Dona: attraverso il volontariato, la beneficienza o il contributo alla tua comunità. Può essere una donazione o la partecipazione a una giornata della colletta alimentare. Può essere il sostegno a una causa in cui credi, attraverso il tuo tempo, la tua esperienza o il tuo denaro. Può essere il contributo che dai per tenere pulito il tuo quartiere. L’importante è che senti che stai donando qualcosa senza aspettarti nulla in cambio.

Pianifica la gentilezza: può suonare strano. Ma la gentilezza ti cambia la vita. Prendi l’impegno con te stesso e con gli altri – o anche solo con il calendario, in questo caso l’importante è scriverlo – di essere gentile almeno una volta al giorno. Metti il benessere delle altre persone al primo posto almeno una volta ogni giorno. Oppure scegli un giorno in particolare per concentrarti su di esso: sul Greater Good Science Center dell’università di Berkeley – sito che ti consiglio di frequentare – suggeriscono di scegliere cinque “atti di gentilezza” e di farli tutti di fila, in un giorno scelto una volta a settimana. La gentilezza mette in atto un meccanismo che incrementa la soddisfazione un gesto dopo l’altro.