3 attività per imparare a gestire conflitti, problemi ed emozioni sul lavoro

By 27 Dicembre 2020Blog

Trenta anni come Business Coach sono un periodo molto lungo e ricco di esperienze, a volte al limite dell’incredibile. Quello che impari quando hai a che fare con le persone non lo impari da nessuna altra parte. Se poi parliamo di un gruppo di persone unico e stimolante come quello di imprenditori e imprenditrici, manager, dirigenti d’impresa, be’ l’effetto è ancora più potente.

Da questa esperienza è nato “Gli Stadi del Successo” Roi Edizioni, un libro sulla conoscenza profonda della struttura, sul funzionamento dell’impresa; un manuale quasi: un manuale di istruzioni per la tua impresa. Utile sia che tu ne sia il capo, il fondatore o un collaboratore a qualsiasi titolo. Comprendere le dinamiche di ciò che accade intorno a te nel luogo dove trascorri la maggior parte del tuo tempo, è una skill chiave.

In un ambiente di lavoro infatti è necessario conoscere bene qual è la situazione che sta affrontando l’organizzazione nel complesso, quali sono le interazioni che avvengono fra le persone, come è gestita la responsabilità, la leadership: insomma tutto ciò che descrive lo stadio evolutivo dell’azienda e del modo in cui essa viene condotta dalla sua dirigenza.

Far questo passaggio è funzionale a una vita lavorativa più equilibrata: i conflitti, i problemi, le incomprensioni, non si possono far sparire come per magia. Bisogna gestirli. E più informazioni hai (e sai dove e come trovarle) sulla tua azienda, più diventa agile questo percorso. Ti voglio suggerire 3 attività per poter imparare a gestire conflitti, problemi ed emozioni sul lavoro:

  1. Accettalo. Che sia un problema o una emozione negativa.  Che si tratti di un conflitto: negarlo non farà altro che esacerbarlo. Mantieni la calma, respira e se la situazione lo consente sorridi, mai in modo sardonico, possibilmente in modo rilassato. Rispondi in modo assertivo, sii parte della soluzione. Molte persone vivono di conflitti e hanno bisogno di dare in escandescenza perché è il modo migliore che hanno trovato per comunicare efficacemente. Tu no, gioca il tuo gioco.
  2. Gestisci le tue emozioni. Lo stato emotivo è un insieme complesso di stati fisici e psicologici che si combinano fra loro. Fai caso a cosa senti e come ti senti quando ti arrabbi o quando provi frustrazione o tristezza. Cosa ti restituisce felicità? Cosa ti riporta nel tuo stato emotivo ottimale? Questa in PNL la chiamiamo àncora e proprio come quella marittima ha il potere di tenerti dove desideri. Se vuoi saperne di più informati qui.
  3. Fatti un giro. Quando senti nascere un sentimento o una emozione negative non combatterle. Aiutati a far cambiare aria al cervello: vai a fare quattro passi. Soprattutto se devi scrivere una mail o rispondere a un messaggio su WhatsApp, lascia passare ciò che provi. C’è un famoso adagio buddhista che recita “non rispondere quando sei arrabbiato, non fare promesse quando sei felice e non prendere decisioni quando sei triste.” Ricordalo, può migliorarti la vita.