Monthly Archives

Maggio 2020

3 domande per migliorare la tua capacità di ascolto

By | Blog

Qualche settimana fa ho pubblicato questo pensiero su Facebook:

Parlare quando non si sa cosa dire è una reazione naturale e proprio come tante altre reazioni naturali o istintive può essere gestita. La capacità di gestire sé stessi, le proprie reazioni, emozioni e pensieri è una abilità da leader. In Programmazione Neuro-Linguistica rientra nella gestione dello stato.

Più in generale troverai descritta questa abilità come intelligenza emotiva. L’intelligenza emotiva è la capacità di identificare, comprendere e gestire le emozioni. Le proprie e quelle degli altri. E proprio grazie alla PNL puoi svilupparla allenandoti a creare rapport con le persone con le quali comunichi.

La capacità di ascolto è fondamentale per la costruzione del rapport ed è molto utile anche perché a volte è necessario riflettere bene prima di parlare. Quando ci troviamo in una discussione che ha elementi emotivi molto importanti per noi che ci vede coinvolti e suscita sentimenti – non importa quali – bisogna mantenere la concentrazione e porsi tre domande:

Ciò che sto pensando posso dirlo?

Ciò che sto pensando posso dirlo io?

Ciò che sto pensando posso dirlo io adesso?

Questa semplice checklist di tre domande ti aiuterà a focalizzare meglio l’attenzione sui tuoi pensieri e a decidere in modo semplice se è il caso o meno di esprimere ciò che hai in mente. Puoi applicarla a tante situazioni della tua vita: prima di mandare una mail di fuoco o rispondere alla telefonata di un interlocutore irritante.

 

Essere un leader extra-ordinario

By | Blog

Qualche giorno fa in una diretta sulle mie pagine social (qui mi trovi su Facebook, qui su Instagram e qui su LinkedIn) ti ho parlato di un argomento che mi sta a cuore e che gran parte delle persone che mi seguono, come me apprezzano molto: la leadership. La leadership è un tema cardine della vita, lavorativa e personale. In questa diretta ho raccontato un aneddoto: in passato ci sono stati dei conoscenti o allievi dei corsi che mi hanno giudicato debole di carattere perché ogni volta che parlavo di persone come David Bowie o Anthony Robbins sembrava come se fossero dei miti per me.

Ho avuto il piacere di rispondere a queste persone che non sembrava che fossero dei miti per me: lo erano a tutti gli effetti! Io penso infatti che tutte le persone debbano crescere con un mito. Non perché ci siano veramente delle persone superiori o perché sia giusto metterne alcune su di un piedistallo. Un mito non è una persona perfetta: è una persona normale che fa cose straordinarie. E riconoscere questa capacità, aiuta a trovare l’ispirazione per comportarci anche noi in modo straordinario.

Un aspetto chiave della leadership infatti è proprio questo: andare oltre le proprie capacità, andare oltre il comportamento che tutti si aspettano da noi, fare l’extra mile come dicono gli americani, il passo in più diremmo in Italia. Mettere dell’extra nell’ordinario, dico io. Se hai mai avuto un leader che ha fatto questo per te, sai di cosa parlo, sai qual è la sensazione che ti ha lasciato, l’emozione che hai avuto. E questo puoi farlo a tua volta con le persone che vivono, lavorano o collaborano con te.

Per mettere questo extra nell’ordinario puoi fare molto. Ti consiglio di iniziare da queste tre attività:

1 Comunica da leader: la comunicazione efficace è un aspetto chiave ma non è l’unico. A volte andare oltre significa migliorare la percezione, dare il significato più utile a una situazione in un determinato momento. Prima ancora di utilizzare strumenti retorici per convincere o trasmettere il messaggio in modo adeguato, è necessario imparare a dare significato.

2 Lavora con integrità: e prima ancora di lavorare con integrità, sii integro. Integro significa non rotto, cioè tutto di un pezzo. Non è una questione morale: significa fare un lavoro quotidiano su di sé su tutte le parti di sé accettarle e metterle al servizio della propria leadership e la propria leadership orientarla verso il servizio alle altre persone.

3 Prenditi cura degli altri per essere leader serve umiltà e dedizione. Il che non vuol dire fare da balia alle persone. Un leader crea altri leader. Per farlo è di fondamentale importanza mostrare ai tuoi collaboratori che sono amati e che sono apprezzati. Bisogna creare una cultura che consenta loro di fare il proprio lavoro al meglio e di sentire che stanno dando un contributo positivo.”

Fare rete con i livelli logici

By | Blog

Fare networking, cioè creare e ampliare la rete di contatti per realizzare nuove opportunità è un lavoro vero e proprio. Non è una attività secondaria da fare a tempo perso. È un punto cardine di qualsiasi professione e bisogna imparare a farlo nel modo giusto. La ragione è semplice: non conta chi conosci, è importante il modo in cui conoscono te.

Attenzione: non è una questione di reputazione. Non solo. Fare rete significa mettere in condivisione valori e convinzioni e mettersi a disposizione per quelle che sono le proprie competenze. Se volessimo analizzare il networking con i livelli logici di Dilts potremmo dire che:

Ambiente: dove e quando fai rate non sono aspetti fondamentali. Se fatto con rispetto per il luogo e il momento, va bene qualsiasi luogo e ogni momento. Il rispetto viene prima di tutto: chiedersi se è il momento giusto per parlare di lavoro o affari è fondamentale. E tra poco vedremo per quale ragione.

Comportamento: il tuo comportamento certamente va calibrato sulle persone presenti. In una occasione formale prima di scherzare devi capire se il tuo interlocutore o i tuoi interlocutori sono sulla stessa linea d’onda. Allo stesso modo in una occasione informale, parlare solo di lavoro potrebbe annoiare. Infine, fai i compiti a casa: studia chi sarà presente, quali punti di contatto avete e cosa puoi fare per questa persona.

Capacità: le tue capacità dovrebbero essere al servizio delle altre persone. Ascoltare gli altri è il primo passo. Mettersi a disposizione per risolvere i problemi in base alle tue possibilità, è il secondo. Per sugellare questa relazione, una volta risolto il problema o approntata la soluzione, puoi chiedere un feedback. Sviluppa la capacità di calibrare il non verbale e capire chi ha bisogno di parlare. Tu resta in ascolto: le persone sono straordinarie.

Valori e Convinzioni: qui inizia a parte importante. Più sei chiaro su quelli che sono i tuoi valori – più sei chiaro innanzitutto con te stesso – più è facile attrarre persone che la pensano nello stesso modo. Per lavorare bene, i livelli logici alti – cioè i livelli che affrontiamo da qui in poi – devono essere soddisfatti. Chiarisci i tuoi valori, le tue convinzioni e i tuoi obiettivi: questo ti aiuterà a trovare le persone giuste con le quali lavorare in modo sereno. Crea delle connessioni forti sulla base dei valori condivisi con le persone con le quali parli.

Identità: chi sei non è ciò che fai. Le persone scelgono con chi collaborare molto più spesso sulla base di ciò che sono prima ancora che sulla base di ciò che fanno. Per questo è fondamentale avere una identità chiara e ben definita. Qui entra in gioco la reputazione. La reputazione cos’è? È la distanza fra ciò che dici di essere e ciò che sei. A parole sono tutti bravi ma ciò che conta alla fine sono i risultati. Quando vuoi fare rete metti da parte il tuo io e lascia che siano le altre persone a esprimere chi sono.

Scopo: anche qui la chiarezza è fondamentale. Ti è chiaro il tuo scopo nella vita? Più è chiaro a te, più sarà semplice comunicarlo agli altri. Meglio comunichi il tuo scopo, più semplice sarà incontrare persone che hanno scopi coerenti, complementari o compatibili con il tuo. Queste sono le persone migliori con le quali percorrere la strada, perché comprendono la direzione del tuo viaggio.

Lavorare sull’allineamento dei tuoi livelli logici è un punto di partenza per costruire una solidità interiore che si riflette subito all’esterno. Ti spiego come farlo nel mio libro “Prendi in mano la TUA felicitàe insieme a molte altre tecniche di Coaching ti aiuto a raggiungere i tuoi obiettivi personali e professionali.

Allena la mente alla calma

By | Blog

Per iniziare a gestire le nostre emozioni dobbiamo inquadrare le nostre esperienze in una luce differente e scegliere di coltivare la positività. Questo ci prepara per dedicare l’attenzione alle cose importanti e aumenta la produttività durante il giorno; il che cambia il modo in cui guardiamo tutto ciò che sperimentiamo: il significato che diamo alla vita è strettamente legato alle emozioni che proviamo. Più queste emozioni sono positive, più lo è la nostra vita. Questo è uno dei segreti della felicità.

E qual è il segreto per sviluppare una visione positiva e coltivare questa positività? Si possono fare diverse azioni: praticare la gratitudine, meditare, cercare un maggior distacco dagli eventi esterni.

La meditazione è sicuramente uno dei metodi più efficaci. Gli studi neurologici dietro la meditazione ci dicono che le pratiche di meditazione e mindfulness incidono sull’ippocampo, sulla corteccia prefrontale e sull’amigdala, che sono le parti del cervello che controllano la nostra memoria, la capacità di apprendere nuove cose, il processo decisionale e la risposta alla paura.

La meditazione allena queste parti del cervello a una maggiore calma e aumenta la nostra capacità di correre rischi e alleviare le nostre reazioni a potenziali fattori di stress, che sono entrambi tratti desiderabili in un imprenditore.

Il segreto è tutto nel trovare il tempo da dedicare in modo costante alla meditazione: questa pratica ha i suoi effetti migliori quando viene ripetuta nel corso del tempo, con continuità. Per farlo bisogno inventare tempo e spazio: ciò che non c’è va creato!

Ti suggerisco alcune idee:

Medita la mattina prima di andare al lavoro: se pensi che la meditazione sia una pratica lunga ed elaborata da fare con l’incenso e i rumori della natura hai una visione molto bella e romantica. Ma poco efficace. La meditazione è una pratica che si può sviluppare anche mentre ci si lavano i denti. Prenditi cinque minuti dopo il suono della sveglia per dedicare tempo alla consapevolezza del respiro.

Medita in pausa pranzo: potresti scoprire persino che la meditazione è meglio del caffè e che la lucidità che riesci ad avere ti porta ad avere una prestazione sul lavoro ben superiore a quella che hai di solito. La meditazione può schiarire la mente meglio di un riposino.

Medita sotto la doccia o quando fai una attività ripetitiva: concentrati sul respiro durante queste attività che hanno necessità di un pensiero vigile. Presta attenzione alla respirazione e concedi pace alla mente quando ne hai bisogno.

La felicità è quel senso di libertà e pace interiore che proviene dal distacco dalle circostanze esterne e dall’attenzione al nostro mondo interiore. Quando impari a gestire in modo consapevole ciò che senti e come reagisci ottieni questa felicità. Pratica la mindfulness e la meditazione come un modo per esplorare le emozioni dentro di te. Diventerai in breve tempo più capace di gestire le difficoltà quotidiane: e questa è una caratteristica chiave della leadership ed è una componente chiave per raggiungere la tua idea di successo.

Cosa possiamo imparare dal lockdown sul comportamento?

By | Blog

Seconde te, le persone – la maggior parte di esse per lo meno – hanno dimostrato maturità in questi mesi? È una domanda più complessa di quello che può sembrare inizialmente e non si può rispondere con un semplice si o no.

In questo periodo di lockdown appena trascorso abbiamo fatto numerose dirette sulle mie pagine Facebook e Instagram e gli argomenti che sono andati per la maggiore sono stati la leadership, la resilienza e la gestione delle emozioni. Cosa hanno in comune questi tre argomenti? Il comportamento.

Tutti questi argomenti infatti si possono affrontare da diversi punti di vista, mettendosi ad esempio gli occhiali della PNL e guardandoli attraverso il filtro dei Livelli Logici di Dilts oppure, come abbiamo fatto più spesso, con gli occhiali colorati delle Dinamiche a Spirale.

Molte persone – la maggioranza delle persone – in questo periodo sono rimaste a casa, rispettando le prescrizioni del Governo. Alcune altre sono uscite, si sono incontrate con altre persone (non per motivi di lavoro), hanno fatto acquisti più volte ogni settimana, non hanno indossato una mascherina in pubblico.

Per quale ragione? La risposta arriva proprio grazie alle Dinamiche a Spirale: a seconda del livello di esistenza e delle condizioni di vita che le persone si trovano a vivere si attivano in loro comportamenti diversi e prevale un differente tipo di locus of control.

Semplificando il locus of control è il “luogo” nel quale l’individuo colloca il controllo della propria esistenza: infatti il locus of control può essere interno o esterno. Quando è interno – in Dinamiche a Spirale nei livelli che corrispondono ai colori caldi – la persona pone in sé la capacità di controllare gli eventi della propria vita. Quando è esterno – nei livelli che corrispondono ai colori freddi – il controllo è attribuito a circostanze esterne.

Tutto questo cosa c’entra con la maturità? Per il dottor Graves, lo scienziato che ha elaborato la teoria delle Dinamiche a Spirale, sia l’interno sia l’esterno interagiscono in una danza interdipendente e oscillano tra un locus interno e uno esterno di controllo. Il punto di vista dei Livelli dell’Esistenza è ciclico.

La crescita di un individuo o un gruppo oscilla da una modalità di espressione di sé per la sopravvivenza al sacrificio di sé verso una fonte di controllo esterna, poi di nuovo indietro verso una forma di espressione di sé da una sorgente direzionale interna, influenzato sia dalle condizioni dell’esistenza sia dal sistema neuronale. La maturità in Dinamiche a Spirale può essere sia dipendenza sia indipendenza.

In questa situazione di lockdown tante persone hanno dato una grande prova di maturità e hanno saputo mettere da parte il proprio io e (af)fidarsi alle direttive del governo e degli scienziati che raccomandavano di rimanere in casa, di rinunciare a vedersi, di fare la spesa una volta a settimana, di limitare gli spostamenti.

E adesso, cosa succederà? Cosa ci aspetta per il futuro? Dopo questo lockdown non torneremo più alla normalità precedente, dovremo affrontare una nuova normalità, una normalità diversa e ciascuno di noi dovrà trovare le risorse per viverlo nel miglior modo, rispettando gli spazi degli altri, per il bene di tutti (anche per il bene di sé). Io sono fiducioso, troveremo sicuramente il modo di dimostrare ancora la maturità necessaria.

Smettiamola di parlare delle persone negative

By | Blog

Ti hanno mai detto che sei una persona negativa? O hai mai pensato di esserlo? In realtà non esistono persone negative (come non esistono persone positive). Esistono dei modi di pensare che si mettono fra te e i tuoi risultati. Li chiamiamo bias. Sono giudizi o meglio pre-giudizi che guidano le nostre scelte quando mettiamo il cervello in modalità pilota automatico.

Ci fanno risparmiare tempo in partenza ed energie mentali. Sono delle scorciatoie alle quali ci affidiamo per prendere decisioni. Tra questi ci sono il positivity e il negativity bias. In entrambi i casi, il prodotto è una stima errata del valore degli eventi che stiamo vivendo. Io personalmente cedo spesso al mio positivity bias, lo ricordo spesso, anche in momenti difficili come durante la malattia di mia madre.

Un atteggiamento positivo, di per sé non migliora la situazione. Serve impegno, serve azione. A volte neanche quella è sufficiente ma è importante agire per sapere di avere fatto tutto ciò che è in proprio potere; è lo stesso per l’atteggiamento negativo: come ci spiega il grande Henry Ford “che tu creda di farcela o meno, avrai comunque ragione”.

Nel mio audiolibro “Impara a decidere bene evitando le trappole mentalio nel più recente audiobook realizzato insieme alla nostra Extraordinary Coach Chiara Arlati “Decisioni: Come guidare i processi decisionali al meglio nel business e nella vitati spiego passo passo come prendere decisioni migliori e aggirare le trappole mentali di questi (e molti altri) bias cognitivi.

In particolare, circa il negativity bias ci sono tre azioni che puoi compiere per arginarlo facilmente:

1. Fai attenzione alla tua linguistica. Il dialogo interiore che utilizzi determina come ti senti. Il potere del linguaggio è enorme. Dirsi “non posso” o “non è possibile” a cosa porta? Di solito a nulla. Ci si ferma e basta. Chiediti “come è possibile?” o “in che modo si potrebbe fare?”. Tira fuori soluzioni di fantasia, anche molto improbabili a poco a poco si apriranno nuove vie. E le soluzioni arriveranno. Arrivano sempre.

2. Pensa il necessario. Tutti abbiamo sperimentato un fallimento, un dolore o una sconfitta. Tutti siamo andati avanti. Prima lo fai, meglio è. Se ancora oggi stai pensando ad una decisione sbagliata di una settimana, un mese o una vita fa, stai scegliendo – sì, lo stai scegliendo – il percorso mentale sbagliato. Crea una nuova via per i tuoi pensieri. Prendi il meglio dalla lezione, impara ciò che puoi. E vai oltre con la consapevolezza della crescita.

3. Concentrati su di una attività per volta. Spesso la negatività è frutto di un sovraccarico emozionale. Troppi impegni, stimoli, telefonate, email, richieste e il capo che ti dice che devi essere multitasking. Nemmeno i computer o gli smartphone sono davvero multitasking: la maggior parte delle risorse deve andare a ciò che ha priorità più alta e il resto deve risparmiare energie, memoria, velocità.

Raggiungere un plateau (e superarlo più motivato di prima)

By | Blog

Non c’è bisogno di scomodare la crisi di mezza età per dire che tutti prima o poi nella vita raggiungiamo dei momenti di stallo. Può capitare a venti anni o a trenta, non necessariamente a quaranta o cinquanta. Il bello è che di queste fasi ce ne sono molte e da ognuna si può uscire rinnovati con una energia adatta a raggiungere un rinnovato successo.

Ogni età infatti ha forme differenti di successo: se mi segui sulla mia pagina Facebook, su Instagram o LinkedIn avrai letto un post it sul quale ho scritto “se a cinquant’anni vai ancora nella stessa discoteca di quando ne avevi venti o è tua o hai un problema”. È chiaramente una battuta. E come ogni battuta vuole portare a galla un fondo di verità.

Chi a cinquanta anni dice “vorrei tornare a venti anni con la testa che ho adesso” non ha ancora capito che quella testa che ha adesso è il frutto di quello che ha fatto nei trenta anni precedenti, quella esperienza è il frutto degli errori che ha commesso quando quell’esperienza non l’aveva.

Per uscire dallo stallo si possono fare tre cose:

  1. Rinnova il tuo scopo. Lo scopo è il faro che ci guida nella vita. E la direzione nella quale percorriamo la strada della vita non è la stessa sempre. A volte cambia e sta a ciascuno di noi fare di tanto in tanto il punto nave, aggiornare le mappe e tracciare la nuova rotta. Lavora sui tuoi valori, sui tuoi obiettivi in modo costante – non tutti i giorni ma almeno una volta l’anno – e chiediti perché fai quello che fai e vuoi quello che vuoi.
  2. Sii grato per ciò che hai. Nel mondo occidentale siamo abituati a dare tante cose per scontate. Fra queste certamente c’è la salute, il benessere, certi servizi che giustamente riteniamo essenziali. Come ci ha dimostrato l’arrivo del 2020 queste cose non sono scontate: per restare in metafora, ti dico che anzi hanno un prezzo, spesso molto alto. Essere grati per chi siamo, per ciò che facciamo e per ciò che abbiamo è la chiave per la felicità in ogni fase della vita.
  3. Rivedi le tue priorità. Nelle varie stagioni della vita, proprio come nelle diverse stagioni dell’anno, bisogna stabilire priorità differenti. L’importante è avere la saggezza di riconoscere questo cambiamento. Ascolta i tuoi bisogni e fai scegliere a quelli le priorità nella fase che stai vivendo della tua vita. Forse lo percepisci inizialmente come un fastidio non ben definito ma più ascolti più diventa chiaro. Ciò di cui hai bisogno guida le tue scelte: accoglilo con gioia.

Lavora smart (veramente)

By | Blog

Conosco persone generose e per questo mi sento molto fortunato. Sono miei collaboratori a volte, in altri casi lavorano in aziende straordinarie con le quali ho l’onore di collaborare e sono quel tipo di persona pronta a lanciare il cuore oltre l’ostacolo in qualunque momento. Sono quelle persone la cui generosità a volte finisce persino col danneggiarle. Pur di aiutare qualcun altro ritardano una consegna, si scordano di mangiare, di bere o di riposarsi.

Questo tipo di generosità è un tesoro prezioso per qualsiasi azienda. E proprio per questa ragione è necessario che l’imprenditore, il manager o il responsabile di questa persona la aiuti a mettere nella giusta prospettiva l’impiego del proprio tempo e delle proprie energie. Per sviluppare una cultura della sostenibilità è necessario fare in modo che tutti siano messi nelle condizioni di gestirsi al meglio.

Questo concetto è molto più vicino allo smart working di quanto non lo sia il lavoro da casa, che è solo un fare le stesse cose che si fanno in ufficio, a casa. Una cultura del lavoro smart significa innanzitutto trasferire una quota di responsabilità della gestione alla singola persona. Vediamo insieme quali possono essere alcune alternative da offrire a chi tende a fare troppo per potersi gestire meglio:

  1. Prendere tempo. Quando si è molto disponibili si ricevono più domande, richieste, pareri. Anche se questo può gratificare il bisogno di contributo di alcuni, a lungo andare questa pratica può avere deleteri sulla produttività del singolo. Prendere tempo quando si riceve una richiesta può essere utile per valutare meglio le alternative. E ci porta al secondo punto.
  2. Individuare la risorsa più adeguata. Quando si viene investiti di una richiesta o di un problema si tende ad agire per risolverlo in prima persona. Questo può essere un limite sia per sé stessi sia, ad esempio, per la crescita di altri. Delegare ad un collaboratore più giovane una parte di lavoro può aiutare a farlo crescere oppure coinvolgerlo per farsi aiutare favorisce attraverso un mentoring molto pratico il trasferimento di competenze.
  3. Indica la porta. Non nel senso di mettere alla porta chi chiede aiuto! Nel senso di mostrare qual è il filo da tirare per sciogliere la matassa, l’inizio del percorso di uscita dal labirinto. In questo modo chi viene con un problema torna a casa con un piano d’azione e ha la possibilità di crescere e risolvere la questione in autonomia e tornare con i necessari aggiornamenti e magari la soluzione in mano.

Rispondere sempre sì non rende più leader di quanto non lo faccia al contrario urlare ordini per i corridoi dell’azienda. La leadership passa sicuramente per la capacità di offrire risposte e soluzioni e allo stesso tempo il leader deve bastare a sé stesso, in qualche modo deve garantirsi le energie sufficienti per ottenere i risultati dei quali l’azienda ha bisogno. All’Extraordinary Talk affronteremo insieme a protagonisti del mondo aziendale italiano e internazionale questi nodi della leadership e potrai trovare nel loro esempio gli spunti necessari per crescere.

Il ruolo del manager nella gestione del team

By | Blog

In un sondaggio della società americana Gallup è emersa una realtà che può offrire un interessante spunto di riflessione per i manager che vogliono avere un impatto positivo sui propri dipendenti. Nelle nuove generazioni – in particolare i cosiddetti millennials – sei persone su dieci affermano di essere aperti a diverse opportunità di lavoro; solo una su due si dichiara intenzionata a restare con la propria compagnia da qui a un anno e il 50% afferma di prendere in considerazione la possibilità di trovare un lavoro presso un’azienda diversa per un aumento dello stipendio inferiore al 20%.

A chi ritiene che il fattore economico sia fondamentale insomma non resta altro che tornare a riflettere, perché il sondaggio dice anche altro. Quasi il 90% – l’87% per la precisione – ha valutato le opportunità di crescita professionale o di carriera e le opportunità di sviluppo parimenti importanti sul posto di lavoro. Allo stesso tempo solo il 39% ha sentito fortemente di aver “imparato qualcosa di nuovo sul lavoro negli ultimi 30 giorni”. Lo stesso sondaggio infine ha rilevato che i manager sono fondamentali per le esperienze che i dipendenti più giovani hanno sul lavoro e rappresentano “almeno il 70% nella differenza dei punteggi di coinvolgimento”.

Per sintetizzare e chiarire in modo semplice il punto: i giovani in azienda vorrebbero maggiore attenzione e opportunità di crescita e apprendimento da parte dei manager che li gestiscono: il ruolo del manager nella gestione del team, nella creazione del gruppo e nella crescita personale e professionale è fondamentale.

Lo sa bene Patrizia Belotti, Chief People & Organization Officer presso la Gefran (eccellenza italiana, nata in un garage e diventata una multinazionale che produce in tanti paesi ed esporta in tutto il mondo) che lavora da anni allo sviluppo di quelle che lei ci tiene che non vengano definite “risorse umane” ma persone. Nel suo intervento all’Extraordinary Talk ci parlerà di come “guidare high performing team nell’era esponenziale”.

Per iniziare subito a migliorare il tuo approccio alla gestione ottimale del team e delle persone che lo compongono ti propongo tre consigli utili che puoi iniziare ad applicare immediatamente:

Parla con il team. Cioè parla con le persone, come direbbe mia sorella Patrizia. Prenditi tempo per seguire i progressi individuali e sviluppa le tue abilità di Coaching applicando ciò che apprendi con il gruppo o con i singoli. Avrai due benefici: crescerai tu e farai crescere le persone con te. Se puoi, scegli un approccio informale e rendi questo approccio un aspetto del tuo stile di leadership. Comprendi cosa rappresenta il successo per ognuno, quali sono bisogni e desideri, qual è il concetto di maturità che ha ciascuno. Trova a cosa corrisponde il concetto di crescita e utilizzalo per aiutarli a realizzarlo.

Crea dei leader. Un vero leader è chi genera leader a sua volta, non follower. Questo aspetto è molto importante perché la creazione di un leader è un processo di crescita in sé. Assumere delle responsabilità, trovare soluzioni, risolvere problemi: questo rende le persone dei leader. Ovviamente questo non significa scaricare le responsabilità sui più giovani ma creare opportunità per i dipendenti di utilizzare i propri punti di forza. E’ importante prestare attenzione quando un dipendente mostra interesse per diversi aspetti del business aiutarlo a realizzare progetti paralleli.

Formali e falli diventare formatori: quello di formare le persone può sembrare un consiglio banale ma non lo è se lo interpreti in modo personale e soprattutto tenendo conto delle inclinazioni dei singoli collaboratori. Non tutti infatti devo seguire gli stessi corsi o sviluppare le stesse skill (a parte quelle fondamentali per lo svolgimento del lavoro). Arricchisci il tuo team facendo fare esperienze diverse e spingendo ognuno a essere il Coach dell’altro a condividere ciò che ha appreso con gli altri.

PNL e Dinamiche a Spirale: due strumenti potenti da soli, straordinari insieme

By | Blog

Conosci la PNL? E le Dinamiche a Spirale? Sono due strumenti straordinari che utilizzo come Coach e come dice anche il mio maestro Tony Robbins, li utilizzo ogni giorno. Metodiche come la Programmazione Neuro-Linguistica e le Dinamiche a Spirale sono la base per un Coach che desidera ottenere risultati duraturi. 

Se desideri scoprire di più sulla PNL, qui puoi scaricare un estratto gratuito del manuale del Practitioner, in particolare del nostro Extraordinary NLP Practitioner. Oppure se desideri più informazioni sulle Dinamiche a Spirale puoi trovarle nel libro “The Spiral o in questo audiolibro: “Introduzione alle Dinamiche a Spirale. Infine, se desideri una panoramica più ampia del mio metodo di Coaching, il One Hand Coaching, ti invito a scoprirlo nel libro “Prendi in mano la TUA felicità

E a cosa servono questi strumenti in pratica? Ti posso fare un esempio del loro utilizzo per far ottenere al tuo interlocutore il cambiamento che desidera. Se pensi che questo si applichi solo a una sessione di Coaching, sei fuori strada. Questo vale anche per una vendita, una riunione per motivare un collaboratore o per aiutare i tuoi figli a raggiungere un risultato.

Vediamo insieme 3 passaggi chiave:

Crea rapport

Per costruire rapport bisogna cercare costantemente di capire l’altra persona e dare feedback per capire di aver capito, prima di cercare una strada per il cambiamento e la crescita che si vuole realizzare insieme all’altra persona. Sia che si tratti di una vendita che di una sessione di Coaching la creazione del rapport deve avere come finalità quella della valorizzazione dell’altro: otterrai il meglio solo se ciò che stai proponendo è il meglio per l’altra persona.

Fai emergere le difficoltà

Attraverso strumenti come il Metamodello poni domande alla persona che hai di fronte e aiutala a individuare le paure, i dubbi, i blocchi di fronte ai quali si è fermata. Quando emergono queste informazioni e diventano coscienti e più definite per la persona è più semplice elaborare le strategie di soluzione e di uscita dalla crisi che sta vivendo. L’obiettivo è individuare i problemi e le risorse necessarie per superarli.

Utilizza domande aperte

Come abbiamo appena detto, una volta emersi i problemi è necessario individuare le risorse. Se mi conosci sai che nel mio metodo di Coaching utilizzo anche le Dinamiche a Spirale. Ecco, le Dinamiche a Spirale ci dicono, diversamente dalla PNL, che non a tutti i livelli le persone hanno le risorse necessarie per risolvere i problemi. Per questo è fondamentale in ogni sessione di Coaching aiutare la persona a individuare le risorse di cui ha bisogno e aiutarla a reperirle.

Solo attraverso la crescita e il miglioramento si ottengono risultati duraturi.