Monthly Archives

Dicembre 2019

Cos’è il rapport? E perché è così importante?

By | Blog

Uno degli elementi fondamentali della PNL è la creazione del rapport. E spesso è anche una delle parti più fraintese. Sia da certi trainer che da molti studenti. Certamente un Practitioner di PNL è più comprensibile che interpreti in maniera un po’ ingenua alcune indicazioni. Gli mancano esperienza e pratica. Fatto sta che spesso il rapport viene ridotto a un banale prodotto del mirroring, che a sua volta viene ridotto a uno scimmiottamento dei movimenti dell’altra persona. Bisogna fare un po’ di chiarezza.

La creazione del rapport invece è qualcosa di molto più simile a una danza nella quale si prende il ritmo della musica e si seguono i passi del ballo dell’altra persona fin quando non ci consente di condurre. Si parte dalla calibrazione, non a caso: serve a valutare l’ambiente e la persona. Il ricalco è una somma di gesti eleganti, delicati, rispettosi del mondo interiore ed esteriore dell’altro. Infine, la guida: quando il rapport è stabile e la sintonia stabilita.

Il rapport lo insegniamo in Programmazione Neuro-Linguistica come una base fondamentale della comunicazione. E non è un caso che questa sia una caratteristica molto evidente in tutti i grandi comunicatori: le persone capaci di comunicare sanno entrare in sintonia con il prossimo in modo rapidissimo e metterlo a suo agio, riuscendo a comunicare anche cose difficili, complesse, persino spiacevoli in una maniera rispettosa del modello del mondo dell’altro.

Quanto stabilisci il rapport significa che sviluppi un flusso di comunicazione basato su fiducia reciproca, serenità e affinità con un’altra persona o con un gruppo di persone. Per questo la creazione del rapport nelle vendite è stata spesso vista come la cura di tutti i mali, un obiettivo da raggiungere a ogni costo; nella realtà dei fatti il rapport per sviluppare questi valori di fiducia e affinità necessita di molta attenzione e di uno sviluppo graduale.

Nel percorso di PNL che organizzo con la mia azienda Extraordinary, l’insegnamento della creazione del rapport ha un ruolo chiave, perché sappiamo qual è il potere di questo strumento e solo chi apprende davvero bene a utilizzarlo può trarne il massimo. Immagina che valore ha uno strumento che ti insegna come costruire fiducia, comprendere le emozioni e valorizzare l’altro, ad esempio, in un processo di vendita, in una presentazione commerciale o in un public speaking. Imparare bene ad utilizzarlo può fare la differenza. La differenza che fa la differenza.

Quello che fa la differenza

By | Blog

Quello che fa la differenza nella vita, più di ogni altra cosa, è la capacità di prendere decisioni. Non si tratta di prendere sempre decisioni corrette; si tratta soprattutto di procedere. Per questo è importante avere ben chiara in mente la propria direzione. E la direzione la determina il tuo scopo. È il faro che ti guida nelle scelte, sia in quelle più semplici che in quelle più difficili.

Quando hai in mente uno scopo chiaro e definito fare delle scelte diventa semplice. Non esistono più rinunce o scelte difficili. C’è ciò che vuoi, ciò che fa parte del tuo percorso e ciò che non ne fa parte. Perché è così difficile fare una dieta? O smettere di fumare? Perché molto spesso non è chiara o abbastanza forte la ragione per la quale lo stiamo facendo.

Alle decisioni ha dedicato un audiolibro la nostra Chiara Arlati nel quale ha messo insieme tutte le sue competenze Neuroscienze, Marketing e PNL per realizzare un percorso per prendere decisioni migliori. In particolare, grazie alla Programmazione Neuro-Linguistica, il processo decisionale diventa chiaro e hai la consapevolezza delle motivazioni profonde che ti spingono a fare quello che fai.

Migliorare la tua capacità di scegliere significa quindi migliorare la qualità della tua vita. Non è detto che tu voglia una alimentazione sana ma se il tuo scopo nella vita è stare bene ed essere in forma, forse è il caso che tu faccia attenzione anche a ciò che mangi. Devi iniziare a pensare per conseguenze. Sono le azioni che ripetiamo tutti i giorni quelle che incidono maggiormente sulla qualità della nostra vita.

Per questo è importante innanzitutto chiarire ciò che si trova a monte di ogni decisione, anche perché il processo decisionale si basa quasi totalmente sull’intuizione, sull’emozione. Essere consapevoli dei propri sentimenti e desideri è fondamentale per fare delle scelte migliori. Non perfette ma migliori, per te e per quello che è importante nella tua vita.

Se puoi dire queste 5 cose di te, puoi ritenerti soddisfatto

By | Blog

Ogni volta che si avvicina la fine di un ciclo – la giornata, la settimana, il mese, il trimestre, l’anno scolastico – è bene cogliere l’occasione per fare un bilancio. Cosa è andato bene, cosa è andato male, cosa mi è piaciuto, cosa non mi è piaciuto, ciò che posso migliorare e ciò che mi ha soddisfatto.

Indipendentemente dall’età ti consiglio di prenderti del tempo per lavorare sui tuoi obiettivi, come faccio io insieme a tante persone nel workshop interamente dedicato a lavorare su di sé, per essere più felici e soddisfatti: “Obiettivi!, un’imperdibile occasione annuale per fare il punto e prepararsi a ottenere risultati.

Fare un bilancio delle tue esperienze è semplice: ti basta scegliere quali aspetti sono importanti per te e valutare se li hai rispettati con i tuoi comportamenti. In un bilancio non si giudicano gli eventi ma come hai risposto a questi eventi.

Ti propongo 5 aspetti che per me sono importanti in modo che tu abbia una traccia, un esempio dal quale partire:

Ho seguito il mio cuore. Ho seguito la mia passione anche quando c’erano strade più facili. Ho fatto la cosa “giusta”. Sono stato fedele a me stesso, come mi raccomandava sempre mia mamma.

Sono integro. Non sono spezzettato, cioè il mio essere comprende tutte le parti che mi compongono. Ho accettato pregi e difetti, luce e buio e riesco a trarne il meglio.

Sono responsabile. Ho preso la piena responsabilità delle mie azioni. Non ho accampato scuse, né ho dato la colpa ad altri. Sono il capitano della mia anima.

Sono grato. Sono grato per la vita che sto vivendo. Provo gratitudine per quello che ho e che voglio e per quello che non ho e che non voglio. Sono grato per le possibilità che mi offre la vita, per le persone che ho accanto e per quello che faccio.

Sono orgoglioso di me stesso. Sono orgoglioso della persona che sono, dei miei successi, delle cose che so. Mi impegno per essere oggi e domani una persona gentile, onesta, generosa e corretta. Questo mi rende orgoglioso.

Scrivi le tue ferite sulla sabbia

By | Blog

“Impara a scrivere le tue ferite sulla sabbia e a incidere le tue gioie nella pietra.” Lao Tzu

Uno dei mentori della nostra Extraordinary Coaching School è il nostro Max Spini. Oltre a essere un Coach, è anche un Ultrarunner. Una di quelle persone che affronta percorsi di montagna con diversi chilometri di dislivello e centinaia di percorrenza. La sua esperienza è diventata un audiolibro nel quale ci parla della resilienza nello sport e nella vita e di come costruirla.

Ma che cos’è la resilienza? La parola resilienza nasce come descrizione di una proprietà meccanica, la capacità cioè di un materiale di assorbile l’energia di un urto senza rompersi. I materiali con una bassa resilienza sono detti “fragili”. Non è un caso che questo termine sia stato adottato dalla psicologia e sia diventato di uso abbastanza comune sul lavoro e nella vita in generale.

Per quale ragione ci serve resilienza? La resilienza determina in quale modo la capacità che abbiamo di passare indenni sotto i colpi della vita. A essere in qualche modo preparati e soprattutto pronti ad agire in qualunque situazione e in ogni condizione. La resilienza offre la possibilità di concentrarsi su ciò che abbiamo raggiunto ed essere consapevoli che saremo in grado di farlo ancora in futuro, perché sappiamo dove trovare le risorse adatte.

Cosa può darti la resilienza? La consapevolezza di ciò che hai nella vita. Quando sviluppi la tua resilienza ti capita di concentrarti su ciò che hai. Prendi tutte le cose che ti sono successe, quelle belle e quelle brutte e annota tutto quello che ti hanno dato. Nel bene o nel male ti hanno portato dove sei, puoi essere grato per ogni cosa bella che hai o hai avuto e per ogni cosa brutta che ha dato il suo contributo a renderti la persona che sei.

Dove può portarti la resilienza? Rispondere “dove vuoi” sarebbe fin troppo semplice, anche se in fondo è vero. La resilienza in realtà ti porta dove hai bisogno di essere. A volte può significare in fondo al percorso, altre volte a smettere prima di farti del male. Già, essere resilienti significa anche avere la capacità di fissare un limite che non vuoi superare e avere cura di te perché la vita non è una gara, e sicuramente non lo è con gli altri. Sei tu a decidere i traguardi, ciò che vuoi, come raggiungerlo e quando. Io personalmente lo faccio ogni anno nel workshop “Obiettivi!e mi diverto molto perché tante persone insieme a me trovano la propria dimensione e si impegnano per ciò che è davvero importante per loro. E questo fa una grande differenza nella vita.

Il tuo contributo

By | Blog, Coaching

Uno dei tanti segreti della felicità è il dono. La capacità di donare si pensa che appartenga solo a chi ha tanti soldi o a chi possa fare grandi gesti. Non è così. A volte il contributo che si può dare non è economico. Può essere un dono di tempo o di attenzione. Un dono di competenze o anche il solo mettersi a disposizione per chi ha bisogno di aiuto.

Tante persone dimenticano che anche un piccolo gesto può fare la differenza. Ogni vita, può fare la differenza. In tanti si sottovalutano e pensano di non avere il potere di cambiare le cose. E quindi non iniziano mai. Ma il cambiamento – e il miglioramento – parte sempre da sé stessi. Quindi cambiare la mentalità e le proprie azioni è il primo passo per fare la differenza.

Il contributo che dai agli altri infatti serve prima di tutto a te stesso. Se non pensi di essere in grado di donare perché non sai come fare, inizia con poco e soprattutto fallo per te stesso. Quando restituisci alle altre persone trovi una motivazione profonda che ti aiuta a fare più di quanto pensassi possibile. Se ti piace correre, avrai certamente sperimentato quella sensazione di stanchezza che provi prima di andare a correre e che poi quando torni dalla corsa scompare e ti senti in piene forze.

Hai mai pensato che il dono è un obiettivo alla tua portata? Puoi scoprire insieme a me cosa fare e in che modo e rendere il tuo 2020 un anno di soddisfazione e contributo. Al workshop “Obiettivi!potrai lavorare insieme a me sui progetti che hai in mente per aiutare gli altri e fare la tua parte nella comunità.

Quando inizi a donare qualcosa di importante per te, cambia il tuo modo di porti, diventi più proattivo, disponibile e creativo. Donare significa avere di più dalla vita. Questo perché la vita stessa premia ciò che migliora la qualità della vita. Quando contribuisci alla tua comunità, diventi parte di qualcosa di unico, che è più grande di te.

Facciamoci qualche domanda

By | Blog

Ci sono alcune domande che quasi tutti ci poniamo almeno una volta nella vita. Soprattutto quando siamo giovani. E le risposte a queste domande – soprattutto alcune risposte – ci possono condizionare per molti anni. Per questo è importante fare il punto, di tanto in tanto, per capire se ciò che pensiamo di volere è esattamente quello che vogliamo oggi: il workshop “Obiettivi! nasce proprio per questo. Fai un aggiornamento del software e stabilisci le tue priorità per l’anno che viene.

Quanto alle domande, quelle rimangono. Ciò che cambia sono le risposte. Un esempio? Quando ci si affaccia nella società, magari con il primo lavoro o ancor prima all’università, capita di chiedersi: “Cosa pensano gli altri di me?”. È una buona o una cattiva domanda questa, secondo te? È una ottima domanda! Se presuppone che tu voglia curare la tua reputazione. Se invece la tua preoccupazione è non sembrare strano o diverso e uniformarti agli altri, stai perdendo qualcosa.

In particolare, stai perdendo una parte di te che invece potrebbe essere proprio quella speciale, il tuo talento, il tuo super potere che ti rende unico. Da ragazzi capita di volersi integrare anche a costo di uniformarsi agli altri e rinunciare a pezzi della propria identità. Spesso è questa la ragione che dopo qualche anno di queste rinunce porta alla frustrazione e al non riconoscersi più. Nel mio libro “Super Youho descritto una sorta di percorso di Coaching che puoi fare insieme a me per individuare il talento speciale che hai e valorizzarlo per vivere a pieno la tua autentica passione.

Altre volte capita che ci poniamo domande come: “se avrò un cattivo risultato, questo che conseguenze porterà nella mia vita?”. La pre-occupazione è un fenomeno naturale e un meccanismo che ci tutela da brutte conseguenze. Fino al punto in cui è funzionale per la sopravvivenza. Quando inizia a diventare disfunzionale e ti tiene alla larga da ciò che può renderti felice – anche a costo di qualche errore – bisogna andare oltre. Anche perché la maggior parte delle persone che rinuncia non teme l’errore, piuttosto si pente della rinuncia.

Sviluppa un mindset vincente con i consigli dei più grandi

By | Blog

Quando ho creato “Il Coaching secondo Claudio Belotti” avevo in mente un corso che rispecchiasse la mia visione del Coaching. Ed è proprio per questa ragione che nella prima parte del corso ti trasmetto tutto quello che ritengo sia necessario per costruire il mindest, la mentalità da Coach.

Per quale ragione? Il motivo è semplice. Quando elaboriamo le informazioni, le situazioni e gli eventi circostanti, lo facciamo in base ad alcuni filtri. Come ci dice la PNL, il primo di questi filtri è lo Stato. E come suggeriscono molti grandi autori e Coach come Anthony Robbins e Robert Dilts quando il Coach entra nello stato adeguato, può ottenere risultati migliori.

Robbins per esempio nei principi del suo metodo dei Seven Master Steps ci parla di quanto sia importante predisporsi all’interazione con il cliente nell’ottica di capire e apprezzare il suo modello del mondo. In questa interazione è importante creare rapport e trovare la leva motivazionale del cliente, distruggere gli schemi disfunzionali e definire il problema in termini risolutivi. A quel punto si possono creare e condizionare delle alternative funzionali e legare tutto questo processo a uno scopo più alto.

Dilts ci parla di un vero e proprio stato COACH: Centred, Open, Attending with Awareness, Connected, Holding. Tradotto non corrisponde esattamente all’acronimo inglese ma lo facciamo per capirci: Centrato significa che ti senti pronto, aperto e forte. Aperto vuol dire che sei aperto a nuove idee, nuove possibilità e visioni del mondo degli altri. Assistere con consapevolezza cioè ti occupi dei bisogni e delle aspirazioni degli altri con consapevolezza. Connesso, sei connesso e in dialogo con gli altri. Tenere si riferisce al tenere aperto uno spazio nel quale il cambiamento diventa possibile o probabile.

Io con il mio metodo originale “One Hand Coaching” ti consiglio di costruire il tuo mindset con la contaminazione e l’utilizzo di metodiche diverse come la Programmazione Neuro-Linguistica e le Dinamiche a Spirale. In ogni caso, costruire il giusto mindset nella vita è utile per ottenere i risultati che desideri e ottenerli nel modo migliore. Che tu sia un Coach, che tu voglia diventarlo o che tu abbia semplicemente a che a fare con altre persone, sul lavoro o nella vita di tutti i giorni.

Il prossimo Basi di PNL potrebbe essere l’occasione giusta per diventare la persona efficace che desideri essere, per costruire un mindset vincente e gestire il tuo stato in m

Pulisci la mente per far spazio al nuovo

By | Blog

Tra meno di un mese saremo nel 2020 e avrai di fronte molte ore, giorni, mesi nel corso dei quali succederanno molte cose. Se mi segui sai che per me il significato della parola successo è proprio il participio passato di succedere. E una persona di successo è una persona che in grado di far succedere delle cose, quelle che desidera e vuole.

E come si fa a diventare una persona di successo? Il primo passo è quello di definire cosa vuoi. Solo nel momento in cui sai cosa vuoi, puoi fare qualcosa per ottenerlo. Se non lo sai, potresti ottenerlo casualmente – non è da escludere questa possibilità – ma molto probabilmente non avrai la stessa soddisfazione.

Quando partecipi al workshop “Obiettivi!il 19 gennaio a Milano lavorerai con me per definire cosa è importante per te e come raggiungerlo. Nel frattempo, puoi preparare la tela da dipingere con i colori dei tuoi traguardi più belli. Il modo migliore per fare pulizia è fare un bilancio di fine anno, aggiornare le tue convinzioni e prendere consapevolezza delle capacità e dei risultati che hai già raggiunto in questo modo:

→ Quali attività stimolanti hai svolto quest’anno? Cosa ti hanno insegnato?

→ Quali attività deludenti hai svolto quest’anno? Cosa ti hanno insegnato?

→ Cosa hai fatto che pensavi di non riuscire a fare?

→ Cosa ti ha distratto maggiormente sulla strada per raggiungere gli obiettivi?

→ Ripensa a te stesso a inizio del 2019 e a te stesso oggi. Quali sono le differenze principali?

→ Quali sfide hai vinto che ti hanno dato maggiore soddisfazione? Per quale ragione?

→ Tutto quello che hai fatto quest’anno, lo hai fatto per te? Se non lo hai fatto per te, lo hai fatto per qualcuno di importante per te?

Una volta che hai risposto a queste domande, hai un quadro più chiaro di ciò che hai fatto, come lo hai fatto, per quale ragione e per chi. In questo modo sei pronto per scegliere cosa vuoi tenere, cosa vuoi cambiare e cosa migliorare per il nuovo anno, in modo chiaro ed efficace.

3 lezioni (più una) per raggiungere il successo personale

By | Blog

Nella mia esperienza come Business Coach in tante aziende di dimensioni differenti, dalle multinazionali più grandi alle aziende familiari più piccole – non meno grandi nello spirito e spesso create da fondatori illuminati o con un management ispirato – ho avuto la possibilità di conoscere abitudini e comportamenti di persone che hanno a che fare con responsabilità enormi; queste persone, con una decisione sulla produttività in azienda, ad esempio, possono influenzare la vita di migliaia di lavoratori e a caduta decine di migliaia di persone attraverso le loro famiglie.

Ogni Coach ha una responsabilità fondamentale in questo processo. Proprio per questa ragione è necessario essere preparati e capaci di fornire un feedback adeguato. Nel mio libro “Gli Stadi del Successo” Roi Edizioni fornisco gli strumenti utili per fare un’analisi dello stato di sviluppo e di crescita dell’azienda e offro a chi desidera intervenire sul miglioramento la possibilità di farlo in modo mirato.

In quasi trenta anni di professione come Business Coach nelle aziende ho raccolto molti consigli, idee e punti di vista che ho trovato interessanti, curiosi, differenti. Io credo che tutto ciò che ti aiuta a guardare la vita da un punto di vista differente vada accolto con entusiasmo. Fare cose diverse mantiene la mente flessibile e giovane. Ecco quindi tre insegnamenti (più uno) utili e interessanti che mi hanno trasmesso con il proprio esempio alcune delle persone migliori con le quali ho lavorato:

  1. Preferiscono qualità a quantità: dai programmi tv agli alcolici, dal cibo alla formazione. Scelgono con cura ciò che devono fare, come utilizzare il proprio tempo e come valorizzarlo. E lo fanno ogni giorno.
  2. Sanno fare eccezioni: la flessibilità dei grandi leader è spesso la chiave del loro successo. Hanno la capacità di adottare soluzioni differenti e cambiare i piani quando serve. Soprattutto sanno scegliere quando fare qualcosa di diverso significa crescere e lo fanno.
  3. Investono i loro soldi: tutte le persone di successo che ho conosciuto investono i loro soldi per attività che li rendono migliori. Investono nei loro affari, per la loro crescita personale e per le loro passioni.

Infine, prendono sempre la piena responsabilità delle proprie azioni. Più in generale le persone di successo scelgono. Cioè fanno qualcosa con quello che hanno a disposizione e ottengono dei risultati. Imparano da queste azioni e migliorano il processo, un passo alla volta. Spesso cambiano il mondo, in modo semplice, con naturalezza. Fanno quello che li ispira.

E tu, fai quello che ti ispira e appassiona nella vita, a prescindere dalle circostanze esterne?

Tempo e denaro devono collaborare per renderci felici

By | Blog

Il mondo occidentale è impostato in modo tale da rendere l’ossessione per il denaro l’approccio più comune e accettato alla vita adulta. Siamo circondati fin da piccoli da messaggi che ci spingono verso una vita nella quale il denaro è un fine e non un mezzo. E in questa sottilissima differenza si sviluppa spesso tanta sofferenza. Molte persone infatti mettono al primo posto il denaro e vivono una vita talvolta infelice senza sapere neanche la ragione. 

La vita in occidente ha un costo abbastanza alto – il costo delle case, dell’istruzione, dell’assistenza sanitaria – ed è cresciuto insieme ai servizi che è possibile ricevere in ogni ambito. Allo stesso tempo i redditi da lavoro dipendente non sono cresciuti altrettanto, lasciando ampi spazi di crescita per chi sviluppa una mentalità imprenditoriale e allo stesso tempo creando prospettive poco piacevoli per chi non si preoccupa di sviluppare la stessa mentalità. Quindi le preoccupazioni sulle finanze potrebbero sembrare inevitabili. Per questa ragione, per molte persone, più soldi significano meno stress e più gioia.

Ma questa equivalenza è davvero valida? Pensiamo che dovremmo lavorare sodo per essere in grado di comprarci sicurezza e lussi, e che questo ci renderà persone felici. Ma molte ricerche hanno ormai dimostrano con molte certezze che saremmo più felici se avessimo meno soldi ma più tempo. O meglio, se spendessimo i nostri soldi per “acquistare” tempo. Ma anche in questo caso, il tempo come il denaro non è un fine. E’ un mezzo: il tempo e il denaro devono collaborare per acquistare esperienze.

La ricetta della soddisfazione infatti non esclude il denaro e non mette al centro solo il tempo: è l’unione delle due cose che porta il risultato migliore. Un po’ di soldi e un po’ di tempo per vivere la vita che desideri, la vita come TU la vuoi.

Per farlo hai a disposizione diverse opzioni:

  1. Pianifica il tuo tempo libero: non nel senso di programmare attività nel tempo libero ma programmare di avere tempo libero. Se ignori che puoi avere del tempo libero, tendi a escluderlo. E più passa il tempo senza che tu abbia del tempo libero, più ti sembrerà difficile averlo. Trovare il tempo per il tempo libero, è l’unico modo per farlo.

  2. Goditi i piaceri della vita: buoni amici, buon cibo, buon vino. Questi sono i piaceri della vita e anche una piccola ricetta della felicità. Crea queste occasioni, creale spesso. E ti sembrerà che il tempo della tua vita si sia improvvisamente moltiplicato.

  3. Dona il tuo tempo agli altri: può sembrare controintuitivo. In realtà il meccanismo è molto simile a quello precedente. Quando fai qualcosa per le altre persone (e con loro) vedi il tuo tempo moltiplicarsi in tante esperienze rilevanti. Il bello del donare il tempo è che lo fa tornare indietro moltiplicato in preziosi ricordi di vita.