We can be Heroes

10 attività per sviluppare la felicità (che un medico prescrive ai suoi pazienti)

Un medico californiano in collaborazione con il Greater Good Science Center dell’università di Berkeley ha stilato una lista di dieci attività per stimolare la felicità e le prescrive esattamente come prescrive i comuni farmaci.

Il bello è che non ci sono controindicazioni e ciascuno può scegliere da questa lista tutte le voci necessarie a sentirsi meglio, in qualunque momento.
Scopriamola insieme:

1. Fai alcuni respiri profondi. Sappiamo tutti che un respiro profondo ci aiuta a rilassarci. Non sorprende quindi che decenni di ricerca abbiano dimostrato che facendo respiri lenti e profondi calmiamo il corpo e la mente attivando il sistema nervoso parasimpatico; quando ciò accade, i marker di stress, la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna diminuiscono. Ecco perché fare respiri profondi durante il giorno può aiutarci a mantenerci più calmi ed equilibrati.

2. Chiama un vecchio amico. Il lavoro pionieristico di Julianne Holt-Lunstad suggerisce che l’impatto della connessione sociale sulla mortalità è alla pari con la pressione sanguigna, il colesterolo e l’obesità. I benefici derivano probabilmente dall’attivazione immediata delle emozioni prosociali e dai benefici a lungo termine del supporto sociale. Questo potrebbe essere particolarmente utile per i miei pazienti che stanno affrontando sfide con la loro salute fisica.

3. Dai un abbraccio a qualcuno. L’abbraccio rilascia ossitocina che aiuta a costruire legami sociali e abbassa i livelli dell’ormone dello stress cortisolo. Quando ci abbracciamo, rilasciamo anche endorfine che portano a un senso di benessere e relax. Ma qualcuno ha davvero bisogno di uno scienziato per dirci che gli abbracci fanno bene?

4. Aiuta un amico che ha bisogno. Aiutare gli altri ci permette di soddisfare alcuni importanti bisogni psicologici, come sviluppare i nostri sensi di azione e competenza mentre rafforziamo le relazioni sociali. Quando agiamo in base ai nostri valori comportandoci da buoni amici e aiutando chi ha bisogno, promuoviamo un senso di scopo, che è fondamentale per una vita significativa. In effetti, la ricerca di Stephanie Brown suggerisce che coloro che forniscono aiuto possono ottenere più benefici rispetto a coloro che lo ricevono.

5. Scrivi una nota di ringraziamento. Molti studi negli ultimi due decenni hanno scoperto che le persone che esprimono gratitudine sono più felici e meno depresse. Sebbene un biglietto di ringraziamento non sia il tipo di pratica di gratitudine che porta a un cambiamento cognitivo positivo e duraturo, queste note possono essere l’inizio dell’abitudine di mettere per iscritto la propria gratitudine in maniera quotidiana.

6. Canta sotto la doccia… o ovunque. Fare musica, e in particolare cantare, ci fa sentire meglio. E questo avviene attraverso diversi meccanismi. Rilasciamo endorfine quando cantiamo; dato questo, non sorprende che il canto riduca il dolore. I livelli di ormone dello stress diminuiscono, portando a una migliore funzione immunitaria. Diamo significato mentre incarniamo i testi. Aggiungo spesso che le persone dovrebbero unirsi a un coro, poiché cantare circondati da altri amplifica notevolmente i benefici del canto.

7. Balla al ritmo della tua canzone preferita. Sappiamo tutti che muovere i nostri corpi migliora la nostra salute, ma passare alla musica ha ulteriori benefici. Il miglioramento dell’umore della danza dura molto più a lungo rispetto al solo esercizio. E ballare ha spesso benefici sociali. Ci sono anche dati che suggeriscono che ballare previene il deterioramento cognitivo negli anziani.

8. Fai una passeggiata in un posto bellissimo. Ci sentiamo tutti meglio dopo essere stati nella natura, eppure sottovalutiamo il potere curativo di queste esperienze. E’ importante fare sempre “passeggiate stupefacenti” o trovare un modo per raggiungere un luogo in cui la natura può avere i suoi effetti curativi.

9. Perdona qualcuno. Il perdono non significa negare di aver subito un torto; significa lasciar andare la propria rabbia e altri processi cognitivi malsani. Il perdono richiede un duro lavoro, ma i benefici sono profondi: coloro che hanno imparato a perdonare vivono più a lungo. Ciò si manifesta con meno stress, depressione, sonno di qualità e relazioni migliori.

10. Parla a te stesso con una voce più gentile. Spesso siamo il nostro peggior critico e quando la nostra salute va male, possiamo gettare una malsana quantità di colpa su noi stessi. L’autocompassione ci aiuta a guarire noi stessi piuttosto che a farci male. Parlare a noi stessi con una voce più gentile è la chiave di questa pratica!

E tu con quale di queste “medicine” inizierai a prenderti cura di te?

Condividi su:
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email