Tre consigli (più uno) per un utilizzo salutare della tecnologia

By 16 Luglio 2018Senza categoria

Qualche settimana fa nel corso di una diretta su Facebook ti ho parlato degli elementi della vittoria. L’ho fatto portandoti un caso concreto, quello della Primavera dell’Inter, vincitrice per due anni consecutivi del campionato italiano e capace di collezionare negli ultimi anni altri numerosi trofei; far parte del gruppo di mister Vecchi in questi anni è stato un grande onore e mi emoziono parlandone per il grande orgoglio che provo lavorando in un ambiente stimolante, con uno staff di grande valore e una dirigenza davvero lungimirante.

Come ho avuto modo di dirti nel corso della diretta il ruolo dello staff è un ruolo chiave nella crescita personale e professionale dei ragazzi della squadra perché non si ferma ai semplici aspetti tecnici e sportivi. Viene offerta a questi ragazzi la possibilità di crescere anche sotto il profilo personale e umano, fornendogli quegli strumenti che sono utilissimi per affrontare la vita sia che nel loro futuro ci sia il calcio sia che scelgano di fare altro.

Tra le cose di cui si parla con loro, ad esempio, ci sono aspetti fondamentali della comunicazione. Come si comunica ad esempio, e come si gestisce un profilo sui social network: non sono consigli di marketing, si tratta piuttosto di dritte per un utilizzo sano dello strumento. Oggi siamo tutti un po’ presi dagli smartphone e dagli strumenti che ci mettono a disposizione per comunicare – potenzialmente – con una platea di miliardi di persone. Avere qualche consiglio su come avvicinarsi a questa tecnologia fa comodo a tutti, adolescenti e adulti, famosi e non.

Da Coach ritengo ci siano almeno tre aspetti (più uno) che ognuno di noi dovrebbe gestire quando va sui social network e insegnare a fare lo stesso ai propri figli:

Siamo quello che comunichiamo:

ciò è vero in ogni aspetto della nostra vita e lo è ancor più sul web e nei social network. Ciò che scriviamo, le foto e i video che pubblichiamo parlano di noi e per noi. Se vedessi quel contenuto pubblicato da un’altra persona, cosa penseresti? Ciò che scrivi, se fosse riferito a te, ti farebbe piacere?

Sui social siamo tutti più belli:

questo è molto importante da ricordare soprattutto a un adolescente. Sui social network tendiamo a condividere immagini ed eventi positivi, momenti felici, vittorie e gioie. Ovviamente la vita non è solo questo: ci sono anche momenti difficili, sconfitte e delusioni. E questi sono anche i momenti più importanti della nostra vita, quelli in cui apprendiamo lezioni utili e cresciamo.

Si ascolta per comprendere:

innanzitutto si ascolta. E lo si fa non per rispondere ma per comprendere ciò che sta dicendo l’altro. Ascoltare, sui social network, significa tante cose: significa leggere, significa guardare fino alla fine, significa seguire una conversazione fra altre persone per comprendere l’interazione e non sparare nei commenti la prima cosa che viene in mente.

Infine è importante per tutti ritornare a dare valore alle connessioni umane, ai rapporti al di fuori della rete. Per quanto possa essere ricco il linguaggio e complessi gli strumenti che usiamo per comunicare, è solo connettendoci alle altre persone in modo reale che possiamo ottenere quel flusso di scambio di informazioni, sensazioni ed emozioni che solo nelle relazioni di persona si possono stabilire.