Tag

priorità Archives - Claudio Belotti

Focalizza la tua attenzione su ciò che è davvero importante per te

By | Blog

A volte capita che la vita ci offra delle distrazioni. In alcuni casi sono belle distrazioni (un nuovo lavoro, una nuova casa o macchina, un hobby stimolante) in altri casi sono distrazioni meno belle (un infortunio, una battuta d’arresto, la fine di qualcosa). Per questa ragione è utile avere un metodo per rifocalizzare l’attenzione.

Nel libro “La vita come TU la vuoi” ti propongo un semplice esercizio: scrivi su un quaderno quello che fai per distrarti ma, invece di rafforzarti, ti indebolisce (TV, alcol, droghe, shopping sfrenato, PlayStation, gioco d’azzardo…). Una volta fatto, sostituisci le cose che hai scritto con attività che ti ricaricano (lettura, stare con gli amici, attività fisica, aiutare gli altri, preghiera, fare l’amore, ascoltare musica, audiocorsi, seminari…).

In questo modo avrai la certezza di quali sono le attività che ti distraggono e quali sono quelle che ti ricaricano e potrai distinguerle e scegliere – eventualmente – in maniera consapevole di lasciarti distrarre di tanto in tanto. Poi quando vuoi rifocalizzare l’attenzione puoi fare questo:

Definisci il tuo scopo. Definisci perché fai quello che fai e usa questo senso di scopo per rimanere motivato e concentrato sui tuoi obiettivi, indipendentemente dagli ostacoli che appaiono sulla strada. Lo scopo ti guiderà ovunque tu voglia andare.

Crea degli obiettivi chiari. Una volta individuato lo scopo, gli obiettivi sono il passo successivo. Grazie allo scopo puoi scremare facilmente le attività importanti da quelle non importanti e dedicare attenzione solo a ciò che veramente conta per te.

Tieni con te i tuoi valori. Se hai partecipato a un mio corso molto probabilmente avremo visto insieme come si estraggono i propri valori. Questo esercizio, da fare di tanto, ti aiuterà a ritrovare la via verso ciò che desideri.

Stabilisci le tue priorità. Scegli una, due o tre attività che ogni giorno devi portare a compimento per prime. Hanno la priorità su tutto. Non devono essere necessariamente svolte di mattina: possono essere la prima attività quando vai in ufficio o rientri a casa la sera. L’importante è che sia chiara.

Passa all’azione. Quando senti che stai perdendo il filo della concentrazione, quando ti rendi conto che la tua vita sta prendendo una piega indesiderata c’è solo una cosa da fare: agire. Agire in conformità con lo scopo, i valori, gli obiettivi. È un po’ come dire che se tutto va storto, tu cogli l’occasione per tirare dritto verso chi sei veramente.

Aumenta la tua efficacia con 3 semplici esercizi quotidiani

By | Blog

Come si fa a migliorare le prestazioni di una azienda, delle persone che vi lavorano, dei team composti da quelle persone? La domanda è complessa e proprio per questa ragione serve un metodo che semplifichi le cose e ci aiuti a focalizzare l’attenzione sui temi caldi, sulle questioni chiave che consentono un miglioramento effettivo.

Nel mio recente libro “Gli Stadi del Successo” Roi Edizioni analizzo gli stadi evolutivi che attraversa una azienda nel corso della propria vita. In questi stadi si ritrovano i vizi e le virtù di ogni azienda. Si ritrovano situazioni che avrai vissuto o che stai vivendo o che vivrai se nessuno agisce per cambiare la rotta. Per arrivare, o tornare, e restare nello stadio ottimale detto “Prime” è necessario ritrovare quella mentalità necessaria.

La mentalità del “Prime” permette di creare quell’ambiente fatto di prestazioni ottimali, produttività e benessere complessivo: in pratica tutto si svolge in modo efficace. Per ottenere questo risultato ogni persona all’interno dell’azienda può incidere sviluppando una mentalità che tenda all’efficacia. Ti propongo 3 semplici esercizi per farlo:

Lavora sulle priorità. La chiave per gestire il tuo tempo al meglio e lavorare in modo efficace su ciò che avrà il maggiore impatto sul tuo business o su quello della tua azienda. Il bello delle priorità è che possono essere ridefinite più volte. Dedica del tempo all’identificazione delle attività più importanti dividendole per categorie stabilendo delle priorità anche fra le stesse categorie.

Dedica del tempo alle persone che ami. Prenditi cinque minuti la mattina prima di uscire di casa o la sera prima di andare a letto per parlare con i tuoi cari, con i tuoi figli o con il tuo partner di cose belle, ciò che amate, le vostre passioni. Questo ti aiuterà a prepararti a una nuova giornata o a chiuderla con la consapevolezza della ricchezza umana che ti circonda, della fortuna che hai, delle persone che ami e che ti amano.

Sottolinea ciò che funziona. Sviluppa l’abitudine di annotare quello che hai fatto bene (da solo o con il tuo gruppo di lavoro) alla fine di un progetto. Scrivilo dove puoi ritrovarlo facilmente e poi tiralo fuori quando inizi un nuovo progetto. A volte è proprio così che si scoprono i talenti delle persone, le caratteristiche che le rendono straordinarie. Molto spesso – lo scrivo anche nel mio libro Super You – siamo abituati a cercare e correggere potenziali errori o debolezze; raramente invece siamo consapevoli delle grandi cose che stiamo già facendo.

Da cosa inizi per costruire la tua efficacia?

leader

Il comportamento adeguato al leader

By | Blog

Per scegliere di voler migliorare è necessario sapere quali sono gli elementi sui quali concentrarsi. Questo può valere per nozioni – che possono essere riviste e aggiornate – per capacità – che possono essere affinate – e persino per dei modi di fare. A volte infatti si tengono dei comportamenti pensando che siano adeguati alla situazione, mentre in realtà non lo sono.

Non stiamo parlando di comportamenti giusti o sbagliati. Come ci insegna la PNL infatti ogni comportamento può essere adeguato in un determinato contesto. Faccio un esempio banale ma almeno sono sicuro di spiegare bene questo concetto basilare: lavarsi è giusto o sbagliato? Posta così questa domanda, tutti diremmo che è giusto (anche se alcune persone sembrano più amanti della teoria che della pratica).

Eppure, se qualcosa a cui tieni sta andando prendendo fuoco, non utilizzeresti l’acqua a disposizione per lavarti. Quando il tuo migliore amico si sposa, il banchetto nuziale non è il luogo migliore per raccontare di quanto (o come) vi siete divertiti quando eravate ragazzi. Questi sono solo alcuni esempi di comportamenti non adeguati al contesto.

Allo stesso modo quando hai un ruolo da leader in azienda, può capitare che tu abbia dei comportamenti che non riesci ancora a riconoscere come inadeguati – ad esempio perché richiedono di immergersi molto nel modello del mondo di qualcun altro – e in questo momento non hai voglia o non ne sei ancora in grado.

Ti aiuto io facendo una breve lista di comportamenti che per esperienza vengono percepiti come inadeguati alla leadership e se presi in considerazione possono aiutarti notevolmente a migliorare.

La mania del controllo. Ci sono poche cose che creano malumore e sfiducia come la mania del controllo. Una sana disponibilità a seguire il lavoro e a verificarlo può produrre risultati positivi. Un controllo continuo e pressante del lavoro – spesso con interventi “operativi” – si rivela più di frequente controproducente. La soluzione? Delega e relax. Un leader crea dei leader e tutto ciò non avviene in un giorno. L’esperienza si forma con il tempo.

Le “tue” priorità hanno sempre la priorità. Una squadra nella quale tutti giocano al servizio di uno può vincere nel breve periodo ma dopo un po’ si sfalda. I team si reggono quando lo scopo comune e lo scopo personale – di ciascuno – sono ben allineati (o al limite compatibili). Se le tue necessità sono il centro di tutto, non puoi pensare e agire in modo strategico.

La comunicazione è sempre confusa. Magari per te è tutto chiarissimo. Ma lo è anche per gli altri? Se troppo spesso le tue comunicazioni vengono fraintese o interpretate in un modo differente da quello che pensavi puoi domandarti cosa sto dando per scontato che scontato non è? Meglio ancora: puoi chiederlo direttamente alle persone che interpretano in modi diversi le tue indicazioni.

Raggiungere un plateau (e superarlo più motivato di prima)

By | Blog

Non c’è bisogno di scomodare la crisi di mezza età per dire che tutti prima o poi nella vita raggiungiamo dei momenti di stallo. Può capitare a venti anni o a trenta, non necessariamente a quaranta o cinquanta. Il bello è che di queste fasi ce ne sono molte e da ognuna si può uscire rinnovati con una energia adatta a raggiungere un rinnovato successo.

Ogni età infatti ha forme differenti di successo: se mi segui sulla mia pagina Facebook, su Instagram o LinkedIn avrai letto un post it sul quale ho scritto “se a cinquant’anni vai ancora nella stessa discoteca di quando ne avevi venti o è tua o hai un problema”. È chiaramente una battuta. E come ogni battuta vuole portare a galla un fondo di verità.

Chi a cinquanta anni dice “vorrei tornare a venti anni con la testa che ho adesso” non ha ancora capito che quella testa che ha adesso è il frutto di quello che ha fatto nei trenta anni precedenti, quella esperienza è il frutto degli errori che ha commesso quando quell’esperienza non l’aveva.

Per uscire dallo stallo si possono fare tre cose:

  1. Rinnova il tuo scopo. Lo scopo è il faro che ci guida nella vita. E la direzione nella quale percorriamo la strada della vita non è la stessa sempre. A volte cambia e sta a ciascuno di noi fare di tanto in tanto il punto nave, aggiornare le mappe e tracciare la nuova rotta. Lavora sui tuoi valori, sui tuoi obiettivi in modo costante – non tutti i giorni ma almeno una volta l’anno – e chiediti perché fai quello che fai e vuoi quello che vuoi.
  2. Sii grato per ciò che hai. Nel mondo occidentale siamo abituati a dare tante cose per scontate. Fra queste certamente c’è la salute, il benessere, certi servizi che giustamente riteniamo essenziali. Come ci ha dimostrato l’arrivo del 2020 queste cose non sono scontate: per restare in metafora, ti dico che anzi hanno un prezzo, spesso molto alto. Essere grati per chi siamo, per ciò che facciamo e per ciò che abbiamo è la chiave per la felicità in ogni fase della vita.
  3. Rivedi le tue priorità. Nelle varie stagioni della vita, proprio come nelle diverse stagioni dell’anno, bisogna stabilire priorità differenti. L’importante è avere la saggezza di riconoscere questo cambiamento. Ascolta i tuoi bisogni e fai scegliere a quelli le priorità nella fase che stai vivendo della tua vita. Forse lo percepisci inizialmente come un fastidio non ben definito ma più ascolti più diventa chiaro. Ciò di cui hai bisogno guida le tue scelte: accoglilo con gioia.