Porta con te la paura oltre l’ostacolo

By 18 Luglio 2019Blog

Ogni tipo di crescita personale avviene al di fuori della propria zona di comfort. Una nuova sfida lavorativa, un public speaking, il lancio di un prodotto, una nuova iniziativa imprenditoriale o mettersi in proprio e mollare dopo tanti anni il lavoro da dipendente. Situazioni come queste – importanti professionalmente e personalmente – ce ne sono, sempre. Una facile risposta a queste situazioni è la procrastinazione o più spesso la fuga!

Naturalmente questi eventi, che possono essere percepiti come spiacevoli sono anche necessari. Sono necessari per crescere: come dice il grande studioso americano Joseph Campbell “La caverna nella quale hai paura ad entrare, ha il tesoro che stai cercando”. Man mano che cresciamo e impariamo a fare il nostro lavoro ci troviamo costantemente di fronte a situazioni in cui dobbiamo modificare il nostro comportamento e aggiornare il nostro software. E questo vale per tutti. Senza il coraggio di fare il salto, possiamo perdere importanti opportunità di crescita.

Come si fa quindi a portare la paura oltre l’ostacolo e conquistare il premio desiderato?

In primo luogo, alleati con la tua paura. Il coraggio non è assenza di paura. Il coraggio è la capacità di riconoscere la paura, ringraziarla per la sua funzione di guardiana che esercita nei nostri confronti e darci la spinta per andare oltre. Sii chiaro con te stesso su quelli che sono i tuoi timori. Poi fai un inventario delle scuse che tendi a utilizzare per procrastinare o evitare situazioni al di fuori della tua zona di comfort e chiediti se sono legittime. In che modo? Se qualcun altro ti fornisse le stesse scuse sul suo comportamento, le riterresti legittime per declinare?

In seconda battuta rendi il comportamento tuo. Come Coach lavoro spesso con persone che lottano per uscire dalla propria zona di comfort sul lavoro e nella vita di tutti i giorni e quello che ho imparato è che spesso hanno molto più margine di manovra di quanto credono per rendere una attività temuta, più vicina a sé. Spesso è possibile trovare il modo di modificare ciò che devi fare per renderlo piacevole e vicino al tuo modo di essere e di lavorare, così da ridurre al minimo il disagio o trovarlo addirittura divertente.

Infine, bisogna… Buttarsi! E uscire dalla propria zona di comfort. Sai qual è il momento giusto per fare una cosa che non hai voglia di fare? Adesso. Falla subito. Prima lo fai e prima scopri che ciò che temevi inizialmente, non è così male come pensavi. Anzi, è quasi divertente.

Il segreto, ammesso che ce ne sia uno, è iniziare a piccoli passi. La prima uscita dalla zona di comfort per fare un public speaking, non deve essere necessariamente di fronte a una platea di cinquemila persone! Esci e parla in pubblico fra colleghi o conoscenti. La prima iniziativa aziendale o il primo passo in proprio non deve essere al top, se non te la senti di fare il grande salto.

Quasi certamente farai degli errori e in effetti, questo è l’unico modo per imparare. Ricorda solo una cosa: quando perdi, non perdere la lezione. E anche se fuori dalla tua zona di comfort senti lo smarrimento e l’incertezza, ti accorgerai presto che quella zona si espande rapidamente e torna ad includerti al suo interno prestissimo e molto prima che tu possa rendertene conto, sei di nuovo a tuo agio, più forte, più saggio, più grande e più esperto di prima.