La felicità è un menù variegato

By 25 Settembre 2018In evidenza

In un recente studio dell’università di Leipzig in Germania i ricercatori hanno seguito per un intero anno un gruppo di oltre mille persone per scoprire quanto si sentissero felici. Il risultato è che hanno scoperto che non tutte le strade portano alla felicità.

Nella ricerca, i soggetti hanno indicato il proprio livello di soddisfazione su una scala da 0 a 10, e poi hanno scritto i propri propositi su come mantenere o aumentare la soddisfazione di vita nell’anno successivo. Dopo un anno, hanno riferito di nuovo la propria soddisfazione di vita e hanno risposto ad alcune domande su come avevano trascorso il proprio tempo.

Gli studiosi di Leipzig hanno potuto distinguere tra due diversi tipi di strategie per aumentare la felicità: sociale e individuale. Alcuni obiettivi, come vedere più spesso gli amici o la famiglia, fare volontariato e aiutare persone bisognose, avrebbero messo in contatto i partecipanti con le altre persone. Altre tipologie di obiettivi come rimanere in buona salute, trovare un lavoro migliore o smettere di fumare non implicavano necessariamente passare del tempo con altre persone.

A conclusione dello studio chi ha scritto almeno una strategia sociale aveva trascorso più tempo a socializzare e al termine dell’anno ha dichiarato di essere diventato più soddisfatto della propria vita. Erano persone che si erano impegnate a insegnare al proprio figlio a nuotare o erano andate a fare un viaggio con il loro partner o avevano investito del tempo per incontrare nuove persone.

Nello stesso periodo le persone che si erano concentrate sugli obiettivi individuali non avevano migliorato la propria soddisfazione di vita durante l’anno. La cosa più sorprendente è stata che le persone troppo concentrate su loro stesse erano risultate ancora meno efficaci nel migliorare la propria felicità delle persone che non avevano alcun piano d’azione!

In pratica è emerso da questo studio che le persone che perseguono intensamente la felicità non sono sempre più soddisfatte, se non nel momento in cui includono la creazione di connessioni sociali nella propria ricerca del benessere. E questo è vero anche nei bambini che con una più ricca rete di connessioni crescono come adulti più felici.

In realtà c’è anche un piccolo trucco. Ed è una buona notizia, perché puoi usarlo anche tu fin da subito per migliorare il tuo benessere. I ricercatori hanno notato che gli obiettivi sociali sono più soddisfacenti, perché semplicemente sono più facili da raggiungere. Ad esempio, basta poco per riuscire a passare più tempo con gli amici, mentre per mangiare sano (e vedere dei risultati apprezzabili) è richiesto un impegno costante e ripetuto. Le persone che si concentrano su obiettivi sociali potrebbero semplicemente raggiungerle più spesso, ricavando un flusso più costante di sensazioni positive.

Questa è sicuramente una ragione in più creare un menù di attività differenti nella propria vita (se non lo hai ancora letto ti consiglio di scaricare l’e-book gratuito “Come gestire le difficoltà della vita” in cui ti parlo proprio di questo) e trovare un equilibrio tra ciò che facciamo per noi stessi e ciò che facciamo per gli altri.