La capacità di creare rapport (in modo semplice)

By 30 Gennaio 2020Blog

La capacità di creare rapport è una qualità fondamentale della leadership. Soprattutto oggi le persone sono sempre più portate a voler lavorare, collaborare o diventare clienti di persone che le facciano sentire a proprio agio. L’aspetto umano del rapporto lavorativo è diventato infatti un elemento chiave: più c’è concorrenza e possibilità di scelta, più le persone indirizzano la propria preferenza verso rapporti interpersonali distesi e, possibilmente, piacevoli.

Ma cos’è il rapport? E come si costruisce? Come mi insegna il mio maestro Anthony Robbins il rapport è un concetto della PNL che tutti dovremmo conoscere. Il rapport è semplicemente uno degli strumenti più potenti che puoi apprendere per creare un team che funzioni, per stabilire amicizie di lungo corso e fidelizzare la tua clientela.

Ogni grande leader possiede intelligenza (quoziente intellettivo e intelligenza emotiva), carattere (in Dinamiche a Spirale diremmo un locus of control interno) e capacità di influenzare gli altri. Attraverso la creazione del rapport riesci a tirare fuori il meglio di queste caratteristiche e allo stesso tempo puoi interagire meglio con gli altri.

La costruzione del rapport si basa sostanzialmente sulla creazione di fiducia e sulla comprensione del modello del mondo (i valori, le convinzioni ma anche il modo di comunicare dell’altro). Le condizioni fondamentai per la creazione del rapport sono 3 (più una): 

Conosci te stesso: qual è il tuo modo di comunicare? Non cercare di imitare qualcun altro o peggio ancora a scimmiottare la persona che hai di fronte. Crea il tuo stile valorizzando le tue caratteristiche. Per conoscerti meglio ovviamente dovrai lavorare su te stesso e sulla tua crescita personale. E se ancora non hai iniziato è una delle cose più belle che potrai fare nella tua vita. Un modo semplice per farlo è con il mio libro “Super You”.

Comprendi l’altro: qual è il modo di comunicare dell’altra persona? Quali sono le cose importanti per lui? Fai attenzione alla sua comunicazione, verbale, paraverbale e non verbale. Tanti anni fa, nella mia vita precedente nel settore alberghiero, avevo un collega che lavorava alla reception. Potevi capire che stava parlando del suo capo, ascoltando solo il tono di voce. Se fino a un secondo prima stava parlando di lavoro, potevi percepire il cambio di argomento. Tutte le persone comunicano sempre. Impara a leggerle, ascoltarle, comprenderle.

Accogli il suo mondo: quando ti prendi il tempo per capire veramente qualcuno, sei in grado di vedere il mondo dalla sua prospettiva, dal suo punto di vista. Fai domande su ciò che pensa e che crede e abbraccia il suo punto di vista e sarai in grado di conoscere esattamente quali sono i bisogni dell’altra persona. Questa è la chiave per aggiungere valore reale in un rapporto con le altre persone.

Infine, ricorda sempre di allenarti ogni giorno a fare questo. Per quanto sia una delle forme più naturali di comunicazione – i bambini sono maestri nella creazione del rapport perché non si fanno tutte le pippe mentali che ci facciamo noi adulti – è necessario fare pratica perché abbiamo scordato come si comunica. Un buon promemoria lo trovi al corso “Basi di PNLe scoprirai come rendere nuovamente efficace la tua comunicazione.