Chi è senza peccato scagli la prima pietra…

By 31 Maggio 2018Senza categoria

In questi giorni riflettevo sull’abitudine tutta umana di giudicare… Lo so è una funzione della nostra mente, il cervello non può farne a meno.

Nel mio lavoro, nel mondo di Tony Robbins, mi hanno insegnato, e non in modo piacevole, ad accettare tutti i feed back, tutte le critiche come se fossero vere. Anche se sono assurde. Se le prendi per vere anche per pochi minuti ti aiutano a crescere…

Nelle Dinamiche a Spirale crediamo che chi ha sviluppato il livello GT/giallo sappia far una critica senza rancore, senza interessi personali, solo per dire quello che pensa o per aiutarti a crescere. Certo tutti siamo in grado di farlo ma quante volte lo facciamo?

Io vedo molte persone che criticano e basta.

Spesso criticano altre persone senza conoscerle, senza avere competenze, senza aver meriti per farlo. Sembra che ci sia una specie di regola, meno risultati la persona ha raggiunto in una determinata cosa e più critica chi li raggiunge… Un po’ troppo facile criticare direi.

L’ho fatto anche io lo ammetto, e probabilmente lo rifarò. Sono umano e quindi imperfetto. Spero di ricordarmi, tutte le volte che lo farò, che non serve a nulla, anzi mi qualifica come una persona poco furba per non dire altro.

Quando qualcuno criticherà te accogli la critica e fai finta che sia vera. Così per crescere. Fatto questo chiediti:

– La persona ha le competenze per criticarmi? È un esperto in materia? Ha avuto risultati migliori dei miei?

– Mi critica per farmi crescere? Perché mi vuole bene? O per altre ragioni meno nobili?

– Mi conosce o conosce la situazione per poter criticare?

Siamo tutti un po’ troppo pronti per dire agli altri cosa e come dovrebbero comportarsi, quando c’è da fare invece vedo meno preparazione. In momenti difficili come questi la generosità della critica è all’ordine del giorno.

I nostri così detti “leaders” (politici, religiosi, sociali ecc.), danno un esempio sconfortante. Dicono agli altri di fare cose che non fanno. Noi da buoni sudditi, seguiamo l’esempio…

E quindi cosa fare?
Sinceramente non lo so. La cosa più semplice sarebbe farti una ramanzina sull’etica di comportamento. Il mio grande maestro e amico Generale Franco Angioni dice che “l’etica di comportamento è da tenere anche e soprattutto quando il nemico non la segue”. Lui è un grande, l’ha fatto per tutta la vita!

Io non posso scagliare la prima pietra. Nemmeno la seconda. Mi limito a invitarti a prestare meno l’orecchio alle critiche di chi dovrebbe stare zitto.

Poi magari tutti insieme critichiamo meno e facciamo un po’ di più. Chissà che troviamo in modo di migliorare la situazione.

Claudio