7 passi per vivere la tua vita senza rimorsi né rimpianti

By 18 Aprile 2019Blog

Nella vita sono meglio i rimorsi o i rimpianti? Come direbbero i Metallica: né rimorsi né rimpianti. A parole – o in musica – sembra semplice. E nella realtà, lo è?

Secondo me sì. Ovviamente, come tutte le abilità, anche quella di vivere a pieno la propria vita, è una abilità che va appresa, affinata e perfezionata nel corso del tempo. Non sarà subito semplice né immediato, ci vorrà un po’ di impegno e alla fine otterrai il risultato desiderato.

In che modo? Attraverso 7 passi. Sette passi che possono davvero cambiarti la vita. Passi piccoli e semplici. Passi efficaci verso ciò che desideri. Pronto per questa passeggiata? Andiamo!

7 passi per vivere la tua vita senza rimorsi né rimpianti

Passo 1. Vivi nel presente: dimentica quello che farai domani e prova semplicemente a vivere al massimo, oggi.

Vivere nel presente e godersi la tua vita significa iniziare subito a pensare a quali sono le cose che hanno davvero valore e importanza per te. Individua i tuoi valori, scopri cosa ti guida nella vita e avrai la risposta che cerchi. La tua non diventerà più interessante a meno che tu non la renda tale.

Passo 2. Smettila di fare raffronti: la vita non è una gara e in particolare non è una gara con gli altri.

Puoi benissimo sfidare te stesso per stabilire quanto puoi crescere e migliorare, ogni giorno, mese, anno. L’importante è che non fai confronti con gli altri e in particolare attraverso i social network. Tu cosa posti sui social network? I tuoi momenti migliori o i peggiori? Già. Quindi puoi immaginare che anche gli altri facciano lo stesso. Vivi la vita come TU la vuoi non è solo il titolo di un bel libro.

Passo 3. Sviluppa la capacità di gestire il tuo stato: mantieni la calma e il focus su ciò che è importante per te.

In PNL è uno degli aspetti basilari, quello della gestione del proprio stato. Nel caso di una situazione difficile, prenditi il ​​tempo di respirare, raccogli i tuoi pensieri e scolpisci un percorso che sia proattivo e non reattivo. Il modo in cui gestisci te stesso influenzerà il modo in cui le persone intorno a te gestiscono sé stesse. Essere agitati, arrabbiati o fuori di sé aiuterà la situazione? Probabilmente no. E prima o poi ti troverai a pentirti di ciò che hai detto in un momento di rabbia.

Passo 4. Non legarti troppo a qualcosa: nella vita l’unica costante è il cambiamento e ciò che ami un giorno potrebbe diventare differente.

È importante sviluppare questa consapevolezza perché porta una piacevole conseguenza. Quando sai che tutto può terminare, consumarsi, deperire, riesci a godere di più del momento presente. Soprattutto con le persone: non piangerai quando ti lasceranno, ma sarai felice che una volta sono state parte della tua vita.

Passo 5. Trasforma i “fallimenti” in pietre miliari: celebra i fallimenti come le vittorie.

La prima conseguenza di fare questo è che quando ti accorgerai di aver fallito sarai meno incline ad abbandonare. Usa l’esperienza per imparare e crescere. Il fallimento è sempre una opportunità da trasformare in qualcosa di nuovo e inaspettato.

Passo 6. Smetti di cercare di far contenti tutti nella vita: non sei una pizza.

L’unica persona che dovresti accontentare sei tu. Le aspettative degli altri, i loro desideri, le loro richieste sono tutte istanze delle quali puoi tenere conto, perché non vivi in una grotta isolato dal mondo. Ma allo stesso tempo queste istanze devono avere il giusto peso nella tua vita: un peso inferiore a quello dei tuoi desideri.

Passo 7. Fidati del tuo istinto. La tue intuizioni sono la tua migliore fonte di ispirazione.

Nella peggiore delle ipotesi, è una caratteristica che devi solo riscoprire. Magari è sopita e hai scordato come utilizzarla ma certamente ce l’hai. L’istinto è innato e in qualche modo sa tutto di te. È l’intuito al quale devi prestare attenzione quando prendi una decisione. Quando usi la logica come modalità di pensiero unica, perdi molte opportunità che la tua pancia potrebbe conoscere e utilizzare molto bene.