Monthly Archives

Dicembre 2018

Non cercare di gestire il tempo, è impossibile

By | In evidenza

Bambino: Non cercare di piegare il cucchiaio. È impossibile. Cerca invece di fare l’unica cosa saggia: giungere alla verità.
Neo: Quale verità?
Bambino: Che il cucchiaio non esiste.
Neo: Il cucchiaio non esiste?
Bambino: Allora ti accorgerai che non è il cucchiaio a piegarsi, ma sei tu stesso!

The Matrix

Comunque la si giri, abbiamo tutti 24 ore ogni giorno. Quindi, considerato che non possiamo né aumentarle né diminuirle e che il sonno è fondamentale, non ci resta che una soluzione: gestire le attività. La gestione del tempo infatti non esiste. E anche se per comodità la chiamiamo così, nessuno può controllare il tempo, per questo è necessario che focalizzi la tua attenzione sulle cose che puoi controllare: te stesso e i tuoi impegni. Per gestire te stesso e i tuoi impegni hai bisogno solo di una cosa: mappare le tue attività e la loro importanza.

Servono flessibilità e consapevolezza del tempo speso ogni giorno nelle diverse attività per capire se è davvero tutto tempo ben speso. Quanto tempo passi a fare cose che odi? Quali attività potresti smettere di fare, dare a qualcun altro o riformularle in modo che ti piacciano di più? Vale la pena fermarsi ogni tanto – anche solo un paio di volte l’anno – per fare il punto della situazione e rimettere un po’ in discussione le attività che fai quotidianamente per liberare spazio a delle nuove.

Una volta fatta questa analisi è possibile passare all’azione. Fai fruttare il tempo risparmiato e inserisci nella tua routine quotidiana alcune attività – a bassissimo impatto in termini di tempo – che ti possono aiutare a creare energia ed essere più produttivo. Vediamone 3 fondamentali:

1) Dormi. Il sonno è una di quelle attività che tutti tendiamo a sottovalutare e che ci troviamo a reclamare poi nei weekend e durante la vacanze. Il sonno è una medicina naturale fra le più potenti. Durante il sonno si recuperano energie, la mente ha il tempo per resettarsi da tutto l’affollamento di pensieri e il corpo può recuperare energia.

2) Mangia e bevi (meglio). Anthony Robbins sostiene che una dieta equilibrata con una corretta integrazione possa permettere al nostro corpo persino di rinunciare a qualche ora di sonno ogni giorno. Prima di rinunciare al sonno comunque è bene lavorare sulla propria alimentazione, facendosi seguire da un medico dietista e nutrizionista che possa valutare il fabbisogno energetico e consigliare l’uso corretto degli integratori.

3) Pianifica le tue pause. Le pause servono. Non troppe, non troppo poche. Quando senti che le idee non girano più a dovere, cambia attività l’ideale è una passeggiata nella natura, bere acqua o un estratto di frutta, una telefonata con un amico per farsi qualche risata o anche ascoltare un audiolibro per trovare l’ispirazione. Una pausa ben fatta può diventare un rito, utile ad aumentare la tua produttività.

Quali sono le attività inutili che inizierai a eliminare per avere più tempo per quelle utili? Condividilo nei commenti!

Le 3 abitudini (più una) per diventare prezioso per la tua azienda

By | In evidenza

Quando vado nelle aziende per i miei interventi di Business Coaching, mi capita spesso di fermarmi a parlare tanto con i manager, quanto con i dipendenti e i collaboratori. È bello conoscere le aziende dall’interno e comprendere quali sono i bisogni che le persone hanno la necessità di esprimere quando possono farlo liberamente.

C’è chi desidera più tempo libro e chi vorrebbe maggiore considerazione, chi è frustrato e chi è super soddisfatto del proprio lavoro. Ogni posizione è interessante e raccoglierle – oltre che dare il polso dell’umore generale – aiuta a comprendere i singoli passi da compiere nella creazione di gruppi di lavoro affiatati. Di recente una ragazza (molto preparata sotto il profilo tecnico e con ottime potenzialità di crescita in ambito comunicativo) mi ha fatto una domanda molto interessante: come si diventa elementi fondamentali per la propria azienda?

Molti imprenditori vivono nella cultura del nessuno è insostituibile e in qualche modo questa è tanto una convinzione limitante quanto una convinzione potenziante per ogni impresa: è limitante quando sfocia nel turnover esasperato, nella mancanza di valorizzazione del singolo. Allo stesso tempo è una convinzione potenziante perché aiuta chi fa l’impresa a guardare oltre la singola defezione: se si allontana un dipendente bisogna analizzare le ragioni e poi andare avanti.

Qualcosa comunque si può fare per diventare se non pietre angolari quantomeno elementi di valore per la propria azienda. Vediamo tre abitudini (più una) che possono aiutarti a rendere speciale il tuo apporto sul lavoro:

  1. Fai il lavoro che ti piace: questo è fondamentale. Nessun lavoro che non ti piace, che non ti ispira e non ti fa alzare contento la mattina potrà mai offrirti lo spunto per renderti indispensabile. Se sei in un lavoro del genere puoi fare due cose: cambiare lavoro o cambiare approccio. Trova l’elemento che ti fa battere il cuore, l’attività che ti piace davvero e su quella costruisci la tua visione. Migliorerà il tuo rendimento e quindi sarai percepito anche come più importante.
  2. Sviluppa le tue capacità di comunicazione. Questo in azienda può significare innanzitutto metterti dalla parte delle soluzioni e non da quella dei problemi. Diventa l’elemento che fa filare lisce le cose, fluidifica i processi, crea soluzioni a problemi che l’azienda non sapeva nemmeno di avere: ciò è possibile mettendo osservazione, ascolto e attenzione al servizio del tuo lavoro.
  3. In qualunque cosa, inizia tu. È un tratto che contraddistingue i leader e consente di essere sempre un passo avanti a tutti senza apparire zelanti. Avere il coraggio di prendere l’iniziativa, svolgere compiti per la prima volta, fare da apripista e aiutare gli altri nel proprio lavoro è tutto ciò che serve.

Infine, l’aspetto che ritengo più importante di tutti: sviluppa la tua capacità di pensiero sistemico. In sostanza cerca di guardare l’azienda, gli eventi, le scelte e il lavoro in un contesto più ampio. Scoprirai una maggiore sintonia con chi guida e dirige l’azienda che spesso si trova a prendere decisioni poco comprensibili per i singoli dipendenti perché ciascuno guarda al proprio settore, al proprio lavoro, ai compiti assegnati mentre chi ha la responsabilità di guidare un’azienda di successo deve tenere conto spesso del quadro generale.