Se anche tu come me hai letto, ascoltato e frequentato tanta formazione di crescita personale, sei sicuramente diventato molto bravo a essere severo con te stesso.

Tony Robbins dice “if you can’t, you must!”, cioè “se non riesci, devi!’’.

Bello, motivante e anche un po’ stressante.

Non mi permetterei mai di contraddire il grande Robbins, anzi. Vorrei solo assicurarmi che capiamo tutto il suo messaggio e non solo questa parte. Lo stesso Robbins, come tutti gli altri grandi infatti, ci insegna anche ad essere gentili con noi stessi, quando serve ed è opportuno.

In questi giorni, qui a San Francisco, leggevo un articolo sul problema della droga. Il consumo di cocaina, farmaci antidolorifici e persino eroina nella bella California è in grande aumento, e sai dove? In Silicon Valley!

Non ci credevo, nella valle delle aziende più all’avanguardia, nel paradiso del successo, i manager e dirigenti abusano di droghe. La settimana di 80 ore di lavoro, carica di stress e pressioni, è troppo anche per loro. Non si possono permettere nessun errore, nessun momento di debolezza, nessun pianto… e il sistema uomo non ce la fa. Allora, o scoppia o trova valvole di sfogo. Purtroppo nel loro caso si tratta di droghe molto pesanti.

Non va bene.

Avere aspettative alte per sé stessi è importante, funziona. Sapersi criticare è necessario. Ma esagerare, come in tutte le cose, è distruttivo e noi cattolici dovremmo saperlo. Il “mea culpa” ininterrotto non crea persone molto felici.

La dottoressa Neff, professoressa al dipartimento di Psicologia dell’università del Texas, ospite anche a TED, dice che l’autocritica serve a dare un senso di sicurezza e controllo, ma è solo un’illusione.

Ecco perché ci vuole più coraggio ad essere gentili con sé stessi, che ad essere severi.

Certo, dobbiamo superare alcuni falsi miti come:

  • Essere gentili con sé stessi è da egoisti. Io dico: come posso essere gentile con gli altri se non lo sono con me stesso? Per dare qualcosa ad altri devi prima averlo.
  • Essere gentile con te stesso abbasserà il tuo standard. Vero, se lo fai troppo e quando non serve. Nello stesso tempo a volte è utile. Quando sono scomparsi i miei genitori (entrambi nell’arco di poco tempo), mi sono dato lo spazio di essere fragile e debole. Mi è servito per crescere e superare un momento per me difficile.
  • La critica ti fa crescere. Vero, solo se è anche accompagnata anche dal complimento. Criticare e basta serve a poco. Dovremmo essere critici, con noi stessi e con gli altri, con la stessa intensità e precisione con la quale notiamo cosa è fatto bene. La scienza l’ha dimostrato in molti modi, purtroppo pochi insegnanti e poche persone applicano questa regola.
  • Essere gentili con sé stessi è da deboli. Penso sia vero il contrario, come del resto sostengono in molti come Nancy o Brenè Brown. È molto più facile fare il duro sempre, piuttosto che darsi l’opportunità di essere fragili, gentili e deboli. Dare a sé stessi il permesso di essere deboli è da persone forti.

Quindi, cosa puoi fare per essere più gentile con te stesso?

  1. Concediti questo spazio quando arriva, ammetti il momento difficile, il dolore… o quello che stai passando. Ignorarlo serve a poco, nonostante, forse, ti hanno insegnato altro. Accogli il momento, dai a te stesso e alle tue emozioni il tempo che serve; non di più e non di meno. Apprezza il momento, e fai tesoro del suo messaggio.
  2. Trattalo da amico e consigliere. Invece di ignorarlo o rifiutarlo, vedilo come un amico che ti dice qualcosa, seppur scomodo. È curioso, siamo spesso più gentili e pazienti con gli altri che con noi stessi.
  3. Ricordati che sei umano; e che spesso chi è più umano, lo è grazie alla sua capacità di soffrire e sentire le emozioni. È impossibile selezionarle per sentire solo quelle “belle”. O le senti tutte o nessuna. Essere umani è una bella cosa, i più grandi di sempre lo sono stati, e lo saranno.
  4. Vivi il momento sapendo che passerà. Tutto passa, le cose belle ma anche brutte. È la vita ed è un bene che sia così.

In questi giorni piovosi di un’estate strana, come il momento storico che viviamo, fatti il regalo più grande: sii gentile con te stesso.

Se mi conosci anche solo un po’, sai che sono un grande promotore dell’impegno, del dare il massimo, del non mollare, dell’avere standard alti e tutto il resto.

Questo vale anche per l’essere umani, con i nostri punti deboli, difetti e momenti difficili. Da vivere, da apprezzare, da cui imparare…

Prenditi una pausa dall’illusione di perfezione. Fai vacanza dall’autocritica. Concediti un intervallo dalla competizione.

Tra pochi giorni o settimane riprende la corsa. Meglio essere riposati e pronti.

Buon agosto che sembra novembre.

Love on ya!

Claudio

 

 

 

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata