Le feste di fine anno dovrebbero darci tempo per riposare, stare con i nostri cari e fare il punto della situazione.

La frustrazione delle cose che non siamo riusciti a fare, può portare motivazione per far meglio. La felicità di aver raggiunto i nostri obiettivi, può darci motivazione a continuare e fare ancora di più.

Nelle giornate antecedenti allo straordinario corso, Date with Destiny di Tony Robbins, con gli altri Trainer parlavamo del fatto che secondo noi i risultati dipendono anche dagli standard che hai. Quello che per me è un risultato per te potrebbe non esserlo e viceversa. Ci sono cose che per te sono normali o speciali, ma per altri non lo sono.

Come la PNL ci ricorda molto bene, è davvero tutto soggettivo.

Come è andato il tuo 2014? Che parametro usi per giudicarlo?

Un dato chiaro è che, la maggior parte degli italiani fa gli stessi buoni propositi per 3/5 anni, per poi rassegnarsi alla vita che vive. Purtroppo solo una minoranza definisce i suoi goal e soprattutto fa qualcosa per renderli reali. I primi invidiano i secondi; quest’ultimi, se vedono altri che fanno meglio di loro, li modellano per fare meglio.

Credo nell’autodeterminazione dei popoli, e quindi anche degli individui. Credo che la miglior vita sia “la vita come TU la vuoi”. Non sta a me, né a nessun altro, darti indicazioni su quello che dovresti volere. Posso però aiutarti nell’ottenerlo.

Sono e faccio il Coach. Il mio lavoro consiste nell’aiutarti a capire cosa vuoi, e soprattutto, nel trovare i modi migliori per ottenerlo per poi goderne a pieno.

In un recente articolo il Prof. Oettingen della Università di New York, parla di alcuni aspetti del goal setting che condividerò alla nostra giornata “Obiettivi!”. Visto che, non tutti riusciranno a venire, ne scrivo alcuni qui. 

Non fermarti al sogno

Se mi conosci sai che dico spesso: “non hai abbastanza fantasia per immaginare cosa puoi fare nella vita”. Lo dico per ricordarlo a me stesso perché io ne sono la prova vivente. Sognare è bello e utile, ci serve per andare oltre i limiti che sono sempre (sì sempre!), irreali. Chi sogna troppo, spesso poi non fa. Utilizza il sogno per aprire la mente, ma poi svegliati e agisci.

Usa immagini

Visualizzare è utile e funziona! Se puoi, disegna ciò che vuoi oppure usa immagini che trovi sulle riviste.

Nancy è una grande fan del collage perché funziona. È un modo semplice per fissare le immagini dei tuoi obiettivi su carta. Basta prendere un cartoncino formato A3 o più grande, e incollarci sopra delle foto che rappresentano ciò che vuoi. Metti questo collage da qualche parte, dove sia ben visibile, in ufficio o a casa. Ogni volta che lo vedrai, ricorderai alla tua mente (conscia e inconscia) cosa stai cercando di rendere reale. Il meccanismo è semplice e per questo efficace.

Fai tante piccole cose

Sono le abitudini che cambiano tutto, non le azioni sporadiche. Vuoi cambiare la tua vita? Bene decidi di:

  • iniziare qualcosa che non fai
  • smettere di fare qualcosa
  • fare qualcosa di più
  • fare qualcosa di meno.

Io ho iniziato ad andare a correre regolarmente, riposo di più e mangio meno grano. Con questi piccoli accorgimenti la mia salute è aumentata moltissimo e non ho dovuto stravolgere la mia vita.

Se decidi una o più di queste 4 cose rendendole vere abitudini, cioè azioni che fai tutti i giorni (o quasi), il tuo nuovo anno sarà memorabile.

Ricorda: meglio fare piccole cose che non fare.

Il vero segreto è questo. Fare, magari poco, ma fare.

Ti auguro un 2015 memorabile. Uno di quegli anni che vanno oltre ogni più tua ottimistica previsione!

Love on ya!

Claudio

 

La giornata “Obiettivi!” è in promozione 2×1 fai un regalo a te a un amico, paga uno e venire in due. per saperne di più    clicca qui 

 

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata