claudio belotti fenomeno

Pensavo di essere un fenomeno.

L’ho pensato per tanto tempo. Forse per colpa mia, forse per colpa degli altri.

Per un bel po’ ho creduto alle cose che mi raccontavano. Da piccolo, essendo mancino, ho subito le angherie di una suora ignorante e non pronta alla castità, che mi convinse che non ero abbastanza intelligente, solo perché volevo scrivere con la “mano sbagliata”. Pensavo di essere un fenomeno al negativo.

Poi la vita mi ha fatto capire che non era così.

Più avanti ho pensato di essere un fenomeno in positivo. Grazie ai grandi risultati che ottenevo e alle cose che mi dicevano i miei guru, ho pensato di essere speciale.

La vita mi sta facendo capire che non è così.

Non sono speciale, infatti non sono meglio di altri.

Sono solo il risultato di quello che ho vissuto, di ciò che mi hanno insegnato e soprattutto di quello che ho fatto con quello che ho vissuto e imparato.

La vita è la somma delle decisioni che si sono trasformate in azioni e quindi conseguenze.

Non credo sia colpa di nessuno, neppure merito. Penso sia solo causa ed effetto. L’unica cosa certa, almeno per me, è la fortuna. Sono fortunato ad essere nato sano, in un epoca strepitosa e in un paese straordinario…

Per il resto, come dicevo, sono solo conseguenze. Ripeto, non a quello che è successo ma a cosa ho fatto riguardo quello che succedeva.

Credo fermamente che siamo davvero tutti straordinari. Non tutti lo diventano, ma non per mancanza di potenziale, bensì per mancanza di voglia di fare, o per un modo di pensare non utile. Più passa il tempo, e più capisco quanto il modo di pensare sia fondamentale.

Non sono un fenomeno. Sono solo una persona qualunque con voglia di: vivere bene, amare, fare esperienza, crescere…

Sono anche convinto che se fossimo in tanti a pensarla così sarebbe meglio. Se smettessimo di sentirci inadeguati o di sentirci superiori per scegliere di migliorarci, qualsiasi cosa pensiamo di essere, saremmo tutti dei veri fenomeni.

La vita è un viaggio. Questa è la prima settimana dell’anno che tra poco finirà perché il tempo vola davvero. Usiamolo bene, diventiamo fenomeni, ma come dice la definizione

“Qualsiasi fatto o evento suscettibile di osservazione diretta o indiretta, provocato o meno dall’uomo.”

Creiamo eventi nella nostra vita invece di lasciare che lo faccia “il caso”. Se lasciamo che sia il caso a creare la nostra esistenza avremo una vita “del caso”…

Utilizziamo al meglio il tempo che ci è dato. Facciamo belle cose quest’anno. Diventiamo fenomeni che creano fatti/eventi suscettibili di meraviglia… Chissà potremmo migliorare la nostra vita e magari anche quella degli altri.

Buon 2016. Love on ya!

Claudio

 

 

 

 

Post correlati

8 Risposte

  1. Vittorio

    Innanzitutto, bentornato!
    Poi ti faccio una domanda “provocatoria”. E quando “il caso” inesorabilmente smonta tutti i tuoi sforzi?
    Chiarisco subito, io non credo nella sfortuna. O meglio, ci credo esattamente come credo alla fortuna. Semplicemente perché credo che nella vita ci sono degli eventi che sfuggono al nostro controllo. Alcuni sono facilitanti, altri ostacolanti.
    E quando gli ostacolanti riescono ad averla vinta?
    Quando la vita, una, due, tre… cento volte ti pone davanti degli ostacoli.
    Lo so che ogni ostacolo è superabile ed è un’opportunità, ma ad un certo punto, credimi, ti mancano le forze.

    Rispondi
    • claudio belotti

      ciao Vittorio, quando il caso smonta tutti i tuoi sforzi trovi nuove energie e ti sforzi di nuovo. L’alternativa è abbandonarsi…
      Ovviamente ci sono tantissime cose che vanno oltre il nostro controllo, ecco perché dobbiamo fare tutto quello che possiamo per gestire l’unica cosa che è sotto il nostro controllo: noi e le nostre decisioni 🙂

      Rispondi
  2. Beppe

    Aspettavo le tue parole ricche di positività, ma soprattutto di propositività, ad inizio anno. Sono arrivate puntuali! Grazie Claudio!

    Rispondi
  3. Patrizia

    Si Sei un Fenomeno!!!!!
    Tanti coach ci passano concetti e frasi ad effetto per descrivere la vita….pochissimi la realizzano con la semplicità e il garbo che hai e che trasmetti a tutti noi!!!grazie Claudio ❤️

    Rispondi
  4. Erika

    …come sempre la Tua è la “Semplicità” di chi è passato attraverso la “fatica” e la profonda comprensione delle cose…

    Grazie di Cuore per il Tuo splendido augurio, Claudio! Augurio che è anche il mio per Me e per Tutti Noi….”Buon 2016″!!

    Erika

    Rispondi
  5. Federica

    Per fortuna non sei un fenomeno!!! 🙂 Invece sei un esempio di educazione e di coerenza tra ciò che dici e ciò che fai quando ti prendi cura delle persone che si affidano a te come professionista. Chi si rivolge ai coach non ha bisogno di fenomeni, ha bisogno di persone competenti e veramente interessate a cambiargli la vita in meglio. Tu sei così: educato, coerente e competente. Buon anno anche a te Claudio…

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata