In questi giorni riflettevo sulla felicità. Che cosa è? Che cosa mi rende felice?

E a te, che cosa ti rende felice? È una domandona. Te la faccio perché magari in questi giorni varrebbe la pena fartela, così per iniziare il 2011 con il piede giusto.

Leggevo che ci sono tre errori che gli adulti fanno sulla felicità:

  1. Dire a se stessi “sarò felice quando …”. La felicità non è una obiettivo che si ottiene nel futuro quando ottieni qualcosa o quando hai fatto qualcosa. O sei felice o non lo sei. “Un giorno” non arriva mai. Se non riesci ad essere felice adesso con quello che sei e con quello che hai non lo sarai nemmeno in futuro. Ovviamente avrai come tutti i tuoi momenti ma se aspetti il giorno che … aspetterai per tutta la vita.
  2. Cercare di rendere felici gli altri per essere felice tu. Non funziona. Gli altri hanno la loro storia, le loro menate, problemi, modi … Peggio ancora aspettare che altri rendano felice te. Il trucco è fare il contrario, sii felice e condividi al tua felicità e vedrai che funziona.
  3. Usare standard valutativi sbagliati come la tv, le riviste, i condizionamenti sociali o ricevuti da altri. Definisci la tua felicità, non potrai mai essere felice con modi altrui.

In poche parole la felicità è un prodotto che viene da dentro non da fuori. È uno stato mentale, una decisione che devi allenare e coltivare tutti i giorni. Il modo migliore è essere grati. Un ospite dell’Oprah show disse che tiene un Diario della Gratitudine, ogni sera prima di andare a letto scrive 5 cose di quel giorno di cui è grato. Non cose in generale come la vita, i figli eccetera ma di quel preciso giorno. Posso essere cose piccole come un buon caffè o grandi come una promozione ma devono essere di quel giorno. Per averne 5 tutti i giorni deve stare attento e cercarle sempre anche nelle brutte giornate. Se fai questo anche la tua vita cambia. Magari sei grato di avere le gomme da neve che ti portano a casa salvo, o di avere l’acqua calda per fare una lunga doccia, o del profumo delle lenzuola pulite, o del sorriso di un amico … se cerchi trovi un sacco di cose …

Ci sono due buone ragioni per essere felice. La prima è totalmente materialistica. Le persone felici hanno una produttività di risultati superiore del 56% rispetto agli “infelici”. La seconda è che si vive meglio.

Che cosa vuoi di più che essere più produttivo e vivere bene sono perché decidi di essere felice?

Buone feste!

Claudio

Post correlati

6 Risposte

  1. isania

    Se feliz por ti mismo; por lo que hay en tu interior…Recuerda siempre que no necesitas de nadie para llegar a ser feliz sin embargo si necesitas de otros para compartir tu felicidad.

    Se feliz por todo lo que te sucede en tu vida sea bueno o malo porque todo lo que te suceda tiene una razón de ser y ten presente que solo el hecho de estar vivo significa que es una gran bendición.

    Se feliz en cada camino que recorras y riega en ellos lo mejor de ti, pisa fuerte para que tus huellas queden marcadas para que aquellos que te admiren tus pasos puedan seguir.

    Se feliz, porque la felicidad te ayudara a llegar tan lejos y tan alto donde tus metas, sueños e ilusiones se harán realidad.

    No existe una llave que te abrirá la puerta para llevarte camino a la felicidad; la felicidad siempre está ahí muy dentro de ti, simplemente sácala, compártela, da amor y hoy y siempre y simplemente se feliz…

    (Sara Trujillo)

    Rispondi
  2. Elisabetta

    Bellissimo il “Diario della Gratitudine”!!! credo posa essere un ottimo esercizio… per fare più caso a quanto abbiamo e soffermarsi sui motivi per essere felici “ora”!

    e allora… ti faccio i miei auguri per un Felice 2011!
    Eli

    Rispondi
  3. Barbara

    Ho messo subito in pratica l’idea del Diario della Gratitudine! Ho iniziato poco fa a scrivere una breve nota su Facebook, con l’elenco delle “5 cose”.
    Grazie Claudio!!!

    Rispondi
  4. lucio

    Concordo col fatto che la felicità è un prodotto che viene da dentro, ma se non comprendiamo dov’è il nostro dentro, rischiamo di credere che occorrano un diario o altre pratiche di allenamento per ottenerla. Credo che la felicità sia la nostra essenza quindi già nostra, già conosciuta, ma noi ce la nascondiamo con mille ostacoli…ritengo quindi molto utile capire quali sono questi ostacoli e rimuoverli, per poter essere come veramente siamo. Felici

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata